Il dottor House ha ora la sua stella sulla Walk of Fame. FOTO

Nel corso della cerimonia, Hugh Laurie si è reso  protagonista di gag e irresistibili siparietti comici. L’ amico e collega Stephen Fry ha tenuto un discorso in suo onore. La gallery

  • ©Getty Images
    L’ interprete britannico è stato celebrato con un’iscirizione sulla Walk of Fame di Hollywood il 25 ottobre - La stella di Ennio Morricone
  • ©Getty Images
    James Hugh Laurie, nato ad Oxford l'11 giugno 1959, ha una lunga carriera televisiva e cinematografica alle sue spalle: tra i suoi lavori più importanti ci sono “Ragione e sentimento” e la “Maschera di ferro”. Oltre che attore, Laurie è anche musicista e cantante - Hugh Laurie in concerto
  • ©Getty Images
    A regalargli il successo internazionale è tuttavia il ruolo del dottor Gregory House nell’omonima serie televisiva in onda dal 2004 al 2012. Per il ruolo, l’attore ha ricevuto due Golden Globes e due Screen Actor Guild Awards - La vittoria ai Golden Globe
  • ©Getty Images
    “Quando mi hanno detto che avrei avuto la mia stella non ci credevo, pensavo fosse uno scherzo. Sono qui e ancora non mi sembra vero. Tornerò questa notte per esser certo che la stella sia ancora lì” ha scherzato Laurie dopo aver ricevuto il riconoscimento - Le dichiarazioni al margine della cerimonia
  • ©Getty Images
    L'attore ha dato prova nel corso della cerimonia del suo irresistibile humor britannico, rendendosi protagonista di numerose gag e mostrando orgoglioso i calzini con la “Union Jack” - Le foto di Dr House
  • ©Getty Images
    Al suo fianco c’era anche il collega Stephen Fry. I due sono amici di lunga data: dopo aver frequentato l’Università di Cambridge hanno mosso insieme i primi passi nel mondo dello spettacolo, raggiungendo il successo con la serie televisiva comica “A bit of Fry and Laurie” - Stephen Fry su Wikivip
  • ©Getty Images
    “Posso dire di lui quello che il Dottor Watson dice di Holmes: è l’amico più saggio e gentile che abbia mai avuto” ha spiegato Fry durante il discorso in onore del collega - Il discorso di Stephen Fry