Star Trek, 50 anni fa la prima puntata della serie tv. FOTO

L'8 settembre 1966 andava in onda negli Usa il primo episodio della saga fantascientifica che ha affascinato diverse generazioni. In mezzo secolo, sono state create 6 serie televisive e 13 film. E ancora il filone non si è esaurito. GALLERY - VIDEO

  • L’8 settembre 1966, la Nbc trasmetteva il primo episodio di Star Trek. Sono passati 50 anni, quindi, dal debutto della serie tv che ha affascinato diverse generazioni, avvicinando molte persone alla fantascienza – VIDEO
  • ©LaPresse
    In questi 50 anni il successo dell’universo Star Trek è cresciuto sempre di più: ora vanta, oltre a milioni di fan in tutto il mondo, 6 serie televisive (tra cui una animata) con oltre 700 episodi e 13 film. L’ultimo, “Beyond” (nella foto, il cast), è uscito a luglio ed è stato diretto da Justin Lin, famoso per i film d’azione del ciclo “Fast & Furious”. Per il 2017, è stata annunciata una nuova serie tv: “Discovery”, con protagonista una donna – "La storia infinita" 37 anni dopo: ecco gli attori oggi. FOTO
  • “Spazio, ultima frontiera. Eccovi i viaggi dell'astronave Enterprise durante la sua missione quinquennale, diretta all'esplorazione di strani, nuovi mondi, alla ricerca di altre forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima”: è questa la frase con cui si apre ogni episodio di Star Trek. In realtà i primi a sentirla sono stati i canadesi: la puntata d’esordio, infatti, era andata in onda sulla rete Ctv il 6 settembre 1966 – L’addio a Gene Wilder, Frankenstein più amato del cinema. FOTOSTORIA
  • ©LaPresse
    Star Trek racconta le avventure spaziali dell’equipaggio della nave stellare Uss Enterprise. I protagonisti della serie, come il capitano James Tiberius Kirk (interpretato da William Shatner) e il vulcaniano Spock (Leonard Nimoy), divennero amatissimi e ancora oggi sono delle vere e proprie icone – VIDEO
  • ©Kikapress.com
    Star Trek è una delle serie televisive più famose del mondo, ma il successo non è arrivato subito. Il primo episodio pilota, “The Cage”, viene rifiutato dalla Nbc. I produttori ne chiedono un altro, con alcune modifiche. Nasce così “Oltre la Galassia”, secondo episodio pilota, che è stato mandato in onda. L’audience non decolla, ma la serie rimane in palinsesto per tre stagioni prima di essere cancellata. Solo dieci anni dopo, quando altre reti mandano in onda le repliche, Star Trek raggiunge un numero sempre maggiore di fan e diventa un cult – Mostra del Cinema di Venezia, i 20 film in gara
  • ©Getty Images
    La serie di Star Trek, ideata da Gene Roddenberry (nella foto), contiene messaggi di pace e d’integrazione, mescolando politica e filosofia con una buona dose d’azione. È ambientata nel XXIII secolo. Dopo la terza guerra mondiale, è nata la Federazione dei Pianeti Uniti: l’umanità ha formato un governo unito, ha raggiunto lo Spazio e si è alleata con i Vulcaniani – "La storia infinita" 37 anni dopo: ecco gli attori oggi. FOTO
  • ©Kikapress.com
    Seguiamo, così, le avventure di una nave stellare della FPU, l’Enterprise. Nell’equipaggio ci sono gli anglosassoni capitano James T. Kirk (William Shatner), il Dottor Leonard McCoy (DeForest Kelley) il capo ingegnere scozzese Montgomery Scott (James Doohan), il giapponese Hikaru Sulu (George Takei), l’africana Nyota Uhura (Nichelle Nichols) e il russo Pavel Chekov (Walter Koenig) – L’addio a Gene Wilder, Frankenstein più amato del cinema. FOTOSTORIA
  • ©Getty Images
    C’è anche l’alieno Spock (Leonard Nimoy), uno dei personaggi più amati della saga, combattuto tra la freddezza della logica e il calore delle emozioni umane (ereditate dalla madre terrestre) – Tutte le notizie su Star Trek
  • ©LaPresse
    Altro personaggio iconico è il capitano Kirk, un vero playboy galattico che non si lascia sfuggire umane, aliene e neppure robot. Kirk è protagonista anche di un bacio che ha fatto scandalo. In un episodio andato in onda nel novembre del 1968 bacia l’ufficiale capo delle comunicazioni dell’Enterprise, Nihota Uhura (Nichelle Nichols): è stato il primo bacio interraziale nella storia della tv Usa e pare abbia avuto il beneplacito anche di Martin Luther King – Mostra del Cinema di Venezia, i 20 film in gara
  • ©Getty Images
    I fan di Star Trek sono stati definiti “trekker”. All’inizio la serie ha avuto successo principalmente tra i nerd, poi i confini si sono ampliati. Tanto che il 27 febbraio 2015, alla morte di Leonard Nimoy, sono stati tantissimi quelli che hanno postato sui social il classico saluto dei vulcaniani accompagnato dalla frase: “Lunga vita e prosperità” – L'addio a Leonard Nimoy, il vulcaniano Spock in Star Trek
  • ©Getty Images
    Molti famosi scrittori di fantascienza hanno collaborato alla serie. Come Theodore Sturgeon e Harlan Ellison. Quest’ultimo ha scritto uno degli episodi più famosi, “Uccidere per amore” (c’è anche una giovane Joan Collins). Le avventure dell’Enterprise, come testimonia qualsiasi puntata di “The big bang theory”, sono state spesso fonte d’ispirazione per scienziati e ricercatori (ma anche per attori: in molti hanno fatto apparizioni nell’universo Star Trek). La Nasa ha battezzato “Enterprise” una navetta Space Shuttle. Alcune trovate tecnologiche della serie, poi, sono diventate realtà. Come il “tricorder” (il palmare, nella foto durante un’asta di cimeli) o i “comunicatori” (i cellulari). Niente da fare, almeno per ora, per il teletrasporto – "La storia infinita" 37 anni dopo: ecco gli attori oggi. FOTO
  • ©Getty Images
    Dopo la cancellazione della serie tv, i diritti di Star Trek sono andati alla Paramount. Nel 1973 e nel 1974, visto il successo delle repliche della serie originale, va in onda una serie animata. Poi, a distanza di oltre 20 anni, Roddenberry ha un’idea insolita per l’epoca: uno spin-off. Sviluppa la serie tv “Star Trek: The Next Generation” – Robert Redford, 80 anni di talento e fascino: foto
  • ©Kikapress.com
    TNG è un successo, vince vari Emmy e va in onda dal 1987 per 7 stagioni. Ambientata circa 70 anni dopo la serie originale, racconta una nuova Entrerprise comandata dal capitano Jean-Luc Picard (Patrick Stewart). Al posto di Spock c’è Data (Brent Spiner), robot che cerca ci capire cosa sia l’umanità. Nell’equipaggio c’è anche Worf (Michael Dorn), di razza Klingon: la Federazione, infatti, ha ormai fatto la pace con gli storici nemici – Tutte le notizie su Star Trek
  • ©Kikapress.com
    Nel ’91, alla morte di Roddenberry, il suo successore Rick Berman sviluppa un altro spin-off: “Star Trek: Deep Space Nine” (DS9), con il primo comandante di colore (Benjamin Sisko, interpretato da Avery Brooks), che va in onda dal 1993 al 1999. Nel 1995, dopo la fine di TNG, va in onda un’altra serie: “Star Trek: Voyager”, con la prima donna capitano, Kathryn Janeway (Kate Mulgrew). Dal 2001 al 2005, infine, va in onda il prequel “Star Trek: Enterprise” (nella foto, tutti i capitani delle serie Star Trek) – L’addio a Gene Wilder, Frankenstein più amato del cinema. FOTOSTORIA
  • Nel 1979 esce il primo film (“Star Trek: The Motion Picture”, diretto da Robert Wise) e nel 1982 il secondo (“Star Trek II - L'ira di Khan”). Fino al 1991 seguono altre 4 pellicole. Una delle più apprezzate è stata “Star Trek IV - Rotta verso la Terra”, uscita nel 1986 e diretta da Leonard Nimoy – L'addio a Leonard Nimoy, il vulcaniano Spock in Star Trek
  • ©LaPresse
    Nel 1994, dopo i primi sei film con i protagonisti della serie classica, esce “Star Trek - Generazioni”: segna il passaggio di consegne dalla serie classica a TNG, con i capitani Picard e Kirk in azione contro il nemico comune. Seguono “Star Trek - Primo contatto”, “Star Trek - L'insurrezione” (nella foto, una scena) e “Star Trek - La nemesi” – Robert Redford, 80 anni di talento e fascino: foto
  • ©Getty Images
    Dato lo scarso successo degli ultimi film, Berman viene rimosso dal ruolo di produttore esecutivo e la Paramount punta su J. J. Abrams (nella foto), famoso per “Lost”, per rilanciare la saga. Nel 2009 esce “Star Trek - Il futuro ha inizio”, definito un “reboot non reboot”: un prequel ambientato in una linea temporale alternativa con nuovi attori nei panni dell’equipaggio della prima serie. È un successo, tanto che il cast viene scritturato per altre due pellicole: “Into Darkness - Star Trek”, uscito nel 2013, e “Star Trek Beyond”, uscito lo scorso luglio, che però non ottengono la fama sperata – Star Trek di Abrams sbanca al box office Usa
  • ©Getty Images
    Ad interpretare il nuovo capitano Kirk è Chris Pine. Zachary Quinto è il nuovo Signor Spock, il vulcaniano dalle orecchie a punta. Karl Urban è il nuovo Dr. McCoy. In “Il futuro ha inizio” c’è anche Leonard Nimoy, che torna a interpretare Spock: ormai vecchio, finisce in un universo alternativo dove incontra il se stesso giovane – Tutte le notizie su Star Trek
  • ©LaPresse
    A Star Trek sono stati assegnati diversi premi, tra cui 33 Emmy e un premio Oscar (per il miglior trucco) su 14 candidature ottenute dai film – L'addio a Leonard Nimoy, il vulcaniano Spock in Star Trek
  • ©Getty Images
    Per omaggiare i 50 anni dell’universo Star Trek sono previste iniziative e feste in tutto il mondo. A Bologna, ad esempio, dal 16 al 19 settembre sarà ospite William Shatner (il primo capitano Kirk). L’Usps, la società del servizio postale statunitense, ha pensato a una serie di francobolli per festeggiare l’anniversario (nella foto). Non mancano le uscite di cofanetti speciali per celebrare mezzo secolo di cinema e televisione targato Star Trek – "La storia infinita" 37 anni dopo: ecco gli attori oggi. FOTO