"Il mondo a modo suo", William Klein in mostra a Milano. FOTO

Palazzo della Ragione ospita fino all’11 settembre una grande retrospettiva dedicata a uno dei più celebri fotografi del Novecento. L’esposizione milanese ripercorre attraverso 150 opere il cammino artistico dell’autore statunitense tra scatti, quadri e film

  • Fino all’11 settembre 2016, Palazzo della Ragione Fotografia a Milano ospita la mostra William Klein: il mondo a modo suo che ripercorre il percorso artistico di uno dei grandi geni della fotografia internazionale del Novecento (Le Petit Magot, 11 novembre, Parigi 1968, dalla sezione Parigi © William Klein) - William Klein, il trasgressivo. In mostra a Milano
  • La rassegna, curata da Alessandra Mauro, presenta oltre 150 opere originali, alcune delle quali di grande formato, tutte provenienti dall’archivio personale del fotografo, accompagnate da nuove installazioni espressamente concepite per questa esposizione, ma anche da estratti dei suoi filmati, da alcune gigantografie e da una selezione delle pellicole che ha diretto (Custode, Cinecittà, Roma 1956, dalla sezione Roma © William Klein) - Arte e fotografia, le grandi mostre del 2016
  • La mostra è divisa in nove sezioni che accompagnano il visitatore in un itinerario che tocca le città fotografate da William Klein in tutta la sua carriera, anche attraverso i diversi mezzi espressivi di cui si è servito. Klein, infatti, nella sua vita ha praticato di tutto, dalla grafica alla pittura, alla fotografia, al cinema, alla scrittura (Quattro teste, Giorno del Ringraziamento, Broadway e 33rd, New York 1954, dalla sezione New York © William Klein) - William Klein, il trasgressivo. In mostra a Milano
  • Il percorso espositivo muove dalle Prime opere, lavori astratti realizzati dal fotografo americano quando, ancora appartenente alla corrente hard edge, stile pittorico caratterizzato da bruschi e netti contrasti geometrici tra diverse aree di colore, cominciò a operare come artista sperimentale e concettuale proprio a Milano (Locandina cinematografica, Tokyo 1961, dalla sezione Tokyo © William Klein) - "Women: New Portraits", in mostra i nuovi ritratti di Annie Leibovitz
  • Due ampie sezioni sono dedicate anche a Tokyo e Mosca, metropoli oggetto dei suoi libri, per poi arrivare al racconto di Parigi, città in cui Klein vive da diversi anni. Una grande sezione è poi dedicata a New York, un racconto visivo straordinario della sua città e uno dei lavori più importanti dell’intera storia della fotografia (Stazione ferroviaria di Kiev, Mosca 1959, dalla sezione Mosca © William Klein) - William Klein, il trasgressivo. In mostra a Milano
  • Altra importante tappa del percorso è Roma, le cui immagini restituiscono la sua ricognizione fatta in compagnia di Fellini, Pasolini e Moravia, tra il 1956 e il 1957. Segue la parte dedicata alla Moda, ambito nel quale è riconosciuto come grande innovatore (Nina, piazza di Spagna, Roma 1960, dalla sezione Moda © William Klein) - Dorothea Lange, la Grande depressione americana in due mostre. FOTO
  • Nel corso della sua carriera Klein ha realizzato anche diversi Contatti dipinti, in cui la commistione di pittura e fotografia trova espressione nel gesto dell’autore che sceglie, tra i vari provini a contatto, l’immagine da ingrandire e la contorna di segni grafici forti e unici (Gun 1, 1955, dipinto 1999, dalla sezione Contatti dipinti © William Klein) - William Klein, il trasgressivo. In mostra a Milano
  • Nel 1952 William Klein ha esposto la sua prima mostra a Milano, al Piccolo Teatro, dove venne invitato dal regista Giorgio Strehler. Dipinse una serie di pitture murali astratte per alcuni architetti italiani. Dopo un’esposizione alla Galleria Il Milione di Milano, l’architetto Angelo Mangiarotti gli commissionò dei murales in bianco e nero che Klein dipinse su pannelli girevoli (Diamanti in movimento 1953, dalla sezione Astrazioni © William Klein) - Roma, in mostra la “Vera Fotografia” di Berengo Gardin
  • La mostra si chiude idealmente con la sala dedicata ai Film, dove viene proiettato un estratto di 30 minuti delle principali pellicole che ha diretto. Tra il 1957 e il 1965, infatti, William Klein si è avvicinato al cinema realizzando una decina di film sperimentali (Pellicole, Broadway by Light 1958, dalla sezione Film © William Klein) - William Klein, il trasgressivo. In mostra a Milano
  • La mostra “Il mondo a modo suo”, visitabile fino all’11 settembre, è promossa e prodotta dal Comune di Milano - Cultura, Palazzo della Ragione, Civita, Contrasto e GAmm Giunti, con il patrocino del Consolato Generale degli Stati Uniti a Milano (Autoritratto William Klein, Parigi 1998 © William Klein) - "Cartier-Bresson e gli altri", i grandi fotografi raccontano l’Italia