"Ascolto il tuo cuore, città". Basilico in mostra a Milano: LE FOTO

Dal 18 dicembre al 31 gennaio 2016, l’Unicredit Pavilion di Piazza Gae Aulenti allestisce la prima grande antologica dedicata al fotografo scomparso nel 2013. Dai “Ritratti di Fabbriche” degli anni ’70 alla nascita di Porta Nuova, passando per i ritratti di decine di metropoli globali. FOTO

  • Negli ultimi anni della sua attività, Basilico ha documentato tutte le fasi della riqualificazione della zona di Porta Nuova, dalla grande voragine iniziale alla nascita della Torre UniCredit. E proprio in questa area ora inaugura la prima, grande rassegna milanese a lui dedicata, aperta dal 18 Dicembre al 31 Gennaio 2016 (Gabriele Basilico, Milano, 2012 © Gabriele Basilico/Studio Basilico, Milano) - Informazioni sulla mostra
  • La mostra parte con i celebri “Ritratti di fabbriche” realizzati tra il 1978 e il 1980, con cui Basilico ha svolto un lavoro di ricognizione delle fabbriche dismesse e ancora attive del milanese (Gabriele Basilico, “Ritratti di fabbriche”, Via Liberazione (Corsico), Milano 1980 © Gabriele Basilico/Studio Basilico, Milano) - Addio a Gabriele Basilico. Innamorato delle città
  • “I Ritratti di fabbriche” hanno segnato in maniera significativa la successiva produzione di Basilico, sempre attento alle periferie delle grandi città (Gabriele Basilico, “Ritratti di fabbriche”, Via Giovanni Ferrari, Milano 1980 © Gabriele Basilico/Studio Basilico, Milano) - Milano: la città del passato, sotto un'altra luce. FOTO
  • La mostra è composta da circa 150 fotografie, videoproiezioni e filmati. Tutti i lavori si concentrano sul tema più amato da Basilico: quello della città (Gabriele Basilico, Milano, 1980, UniCredit Art Collection) - Paesaggio italiano, settant'anni di foto in mostra
  • Non solo Milano. La mostra presenta uno spaccato delle oltre 50 città globali riprese da Basilico durante la sua carriera (Gabriele Basilico, Porto, 1995, © Gabriele Basilico/Studio Basilico, Milano) - "Questa è guerra", 100 anni di conflitti in mostra. FOTO
  • Da Milano a Napoli, da Mosca a Parigi a Berlino, da Istanbul a Madrid, da Rio a San Francisco fino a Shanghai, Basilico ha coltivato una forte ossessione per la città intesa come organismo vivente (Gabriele Basilico, Paris, 1997, © Gabriele Basilico/Studio Basilico, Milano) - "Cartier-Bresson e gli altri", i grandi fotografi raccontano l’Italia
  • Basilico andava sempre alla ricerca di quella “strana bellezza” che può caratterizzare ogni metropoli, “non solo nella memoria dei centri storici, ma anche nella frammentazione spontanea delle periferie” (Nora Raggio, Basilico a San Francisco, 2007, © Nora Raggio) - "Steve McCurry, Icons and Women": il fotoreporter in mostra a Forlì
  • Basilico credeva che le città ormai avessero moltissimi elementi di congiunzione, che fossero “un luogo globale come somma di luoghi diversi” (Gabriele Basilico, Milano, 2008, © Gabriele Basilico/Studio Basilico, Milano) - Everyday Italy, l’account Instagram che racconta il Belpaese
  • Gabriele Basilico nella zona di Porta Nuova in quella che sarebbe poi diventato Piazzale Gae Aulenti (Gabriele Basilico, Autoritratto, 2011, © Gabriele Basilico/Studio Basilico, Milano) - "Della fame e della guerra", l’Afghanistan di Franco Pagetti. FOTO
  • Nato a Milano nel 1944, i lavori sulle città di Basilico sono stati esposti in decine di musei intorno al mondo. Uno dei sui progetti più noti all’estero è quello dedicato a Beirut, città che ha ripreso più volte tra il 1991 e il 2011 (Toni Thorimbert, Gabriele Basilico sul set del film "Il mio domani" di Martina Spada, Milano 2011 © Toni Thorimbert) - Vivian Maier Street Photographer, la prima mostra italiana
  • Questo scatto fa parte della serie “Porti”, concepita a metà degli anni ’80 (Gabriele Basilico, Genova, 1985, UniCredit Art Collection) - “Ieri Oggi Milano”, scatti d’autore per la città che cambia
  • “Osservare con attenzione il paesaggio cercando di introiettarlo, di farlo aderire alla tua dimensione percettiva”, era questo il segreto di Basilico (Gabriele Basilico, Madrid, 1993, © Gabriele Basilico/Studio Basilico, Milano) - A scuola di immagine. Con Gabriele Basilico
  • La mostra è curata da Walter Guadagnini con la collaborazione di Giovanna Calvenzi. Lungo l’allestimento è possibile seguire il percorso dell’artista attraverso una serie di filmati, interviste, documentari, realizzati a partire dai primi anni Ottanta (Gabriele Basilico, Shanghai, 2010, © Gabriele Basilico/Studio Basilico, Milano) - Expo, da Salgado a Scianna: 9 fotografi per la Terra. FOTO