Johnny Cash, una mostra per celebrare l'Uomo in nero

A dieci anni dalla scomparsa, la galleria Ono Arte di Bologna ripercorre la carriera di uno dei più influenti artisti del '900. Tra esibizioni live, backstage e vita privata, un viaggio attraverso le fotografie di Jim Marshall e Baron Wolman. FOTO
  • Il mito di Johnny Cash rivive a dieci anni dalla sua morte grazie a una mostra fotografica. Si intitola "We Are All Men in Black" ed è esposta alla Galleria Ono Arte Contemporanea di Bologna (credits Baron Wolman) - Rock Star immortalate dal cinema
  • Quaranta immagini, ancora inedite e mai esposte in Italia, scattate da grandi fotografi come Jim Marshall e Baron Wolman. Un modo per celebrare la carriera di uno dei più influenti musicisti dello scorso secolo (credits Baron Wolman) - My Back Pages, la storia del rock per immagini
  • La mostra è visitabile fino al 20 giugno. Le immagini spaziano da episodi di vita privata ai backstage dei suoi concerti. Cash è considerato il punto di congiunzione tra la tradizione country-folk e la rivoluzione musicale del dopoguerra - Bad Boy Live
  • Molte immagini sono opera di Jim Marshall, amico di Cash e unico fotografo ad avere accesso illimitato ai suoi backstage. Documentò anche lo storico concerto alla Folsom Prison del 1968 che divenne anche un album live (credits Jim Marshall) - Arresti da rockstar
  • Il concerto nel carcere californiano passò alla storia. Cash era un mito per i detenuti, perché le sue canzoni raccontavano temi come abusi, violenze, guai giudiziari (credits Jim Marshall) - Dal palco al tribunale: rockstar nei guai con la giustizia
  • Gli eccessi raccontati nei suoi testi erano spesso autobiografici. Negli anni '60 Cash faceva uso di droghe. Nel 1965 venne arrestato a El Paso per introduzione illegale di anfetamine e due anni dopo scampò a un'overdose (credits Jim Marshall) - Scatti rock: i grandi fotografi raccontano la musica
  • Cash stringe la mano a Glen Sherley, un detenuto di Folsom che scrisse la canzone "Greystone Chapel". A fine concerto l'artista, stupendo tutti, la cantò tra l'entusiasmo generale del suo pubblico di carcerati (credits Jim Marshall) - La Rock Star scende dal palco e sale sul grande schermo
  • Dopo questo successo, ci fu un secondo live in una prigione: San Quentin. Qui Marshall scattò l'immagine più famosa di Cash. Dito medio e smorfia, in risposta alla provocazione del fotografo: "John, uno scatto per il direttore del carcere" (© Tim Mantoani ) - Da Tienanmen a Marilyn: i fotografi e gli scatti cult
  • Tante immagini della mostra sono dedicate alla sua relazione con June Carter, sposata nel '68 e madre del suo unico figlio John (credits Baron Wolman) - Johnny e June: galeotto fu il folk
  • Johnny e June sono rimasti insieme per tutta la vita, morendo a pochi mesi di distanza nel 2003. Il cantante morì il 12 settembre per complicazioni diabetiche. Sono sepolti vicini nel cimitero di Hendersonville, nel Tennessee (credits Baron Wolman) - Cash-Carter, dal flirt all'amore
  • La loro relazione ha ispirato il film "Quando l'amore brucia l'anima" (Walk The Line) con Joaquin Phoenix nei panni di Cash e Reese Witherspoon nella parte di June Carter. L'interpretazione le è valsa l'Oscar come miglior attrice protagonista nel 2006 - Sonicamerica, le rockstar in posa raccontate da Guido Harari
  • Nel 1969 la Abc mandò in onda "The Johnny Cash Show". Il primo ospite fu Bob Dylan, grande ammiratore di Cash. I due incideranno 20 canzoni insieme, che appariranno nel bootleg "Big River, The Nashville Session" - My Back Pages, la storia del rock per immagini
  • Dopo la pubblicazione dell'autobiografia Man in Black, nel 1975, la stella di Cash si oscurò fino agli anni 90, quando firmò un nuovo contratto con la American Recordings. Fu la resurrezione artistica, con 6 dischi acclamati da pubblico e critica - Ono Arte Contemporanea, il sito degli organizzatori della mostra
  • A dieci anni dalla morte, la mostra "We Are All Men in Black" intende ricordare Johnny Cash attraverso le sue immagini. L'esposizione è visitabile a Bologna fino al 20 giugno - Rock Star immortalate dal cinema