Ennio Morricone, un viaggio lungo due ore in 60 anni di magia del cinema

Inserire immagine

Il Maestro Morricone è protagonista di un tour mondiale che racconta la storia del cinema e che ha chiamato The 60 Years of Music World . Abbiamo visto il suo spettacolo a Bologna venerdì 1 dicembre, sabato 2 sarà a Milano per far proseguire il sogno

di Fabrizio Basso
(inviato a Bologna)


Non ci sono una età o un tempo per inseguire un sogno. Possono bastare una sera di inverno e due ore. Se sul palco c'è il Maestro Ennio Morricone che nel corso della sua carriera ha composto più di 500 colonne sonore per il cinema e la televisione e più di 100 composizioni di musica assoluta. Lo abbiamo visto a Bologna, all'Unipol Arena, per la prima delle due date italiane volute da D'alessandro e Galli: l'altra è al Forum di Assago di Milano il 2 dicembre.

Già nel tempo dell'attesa si respira una atmosfera differente da quella di un concerto tradizionale, perché in effetti il live del Maestro Morricone è una esperienza che coinvolge i cinque sensi e anche l'anima. Lui, sul palco, è un gigante minuto, accompagnato, tra coro e orchestra, da oltre cento professionisti. Apre col tema di The Untouchables il suo viaggio in 60 anni di storia personale e della settima arte e sembra proprio di vederlo sul palco Kevin Costner che sfida Robert De Niro nei panni di un Al Capone tutto chiacchiera e distintivo. C'è tanta storia d'Italia in Baaria e anche in Nuovo Cinema Paradiso, composizioni tra le più applaudite dal pubblico. Ogni spettatore, e a Bologna erano undicimila, ha nel cuore un po' di Morricone: non tutti sanno che questo signore di 89 anni negli anni Sessanta, in quell'estate durata dieci anni come la ribattezzò Edoardo Vianello, ha contribuio a creare il suono che ancora oggi è all'avanguardia. C'è anche del suo in Se telefonando e Sapore di sale.

Poi sono arrivati gli spaghetti western e a Bologna li ha ricordati con quattro brani per poi passare all'esperienza con Quentin Tarantino in The Hateful Eight che gli è valsa il secondo Oscar (il primo, nel 2007, fu alla carriera). E' stato bello risentire il tema de La Battaglia di Algeri, film del 1966 di Gillo Pontecorvo e poi Mission e Sostiene Pereira e C'era una volta in America. Non è facile raccontare una serata con Ennio Morricone perché le emozioni hanno il sopravvento. E poi chiudi gli occhi e vedi le immagini che scorrono e pensi che senza la sua compagnia, senza quello che ci ha donato in oltre 60 anni di carriera, oggi avremmo qualche sorriso in meno da spendere.

La scaletta
The Untouchables (da "The Untouchables")
Deborah's Theme (da "Once upon a time in America")
Baarìa (from "Baarìa")
Chi mai (da "Le Professionnel")
H2S (da "H2S")
Metti una sera a cena (da "Metti, una sera a cena")
Nuovo Cinema Paradiso (da "Cinema Paradiso" )
Man With a Harmonica (da "Once Upon a Time in the West")
The Strong (da The Good, The Bad And The Ugly)
The Good, the Bad and the Ugly (da The Good, the Bad and the Ugly)
The Ecstasy of Gold (da The Good, the Bad and the Ugly)
Nostromo (da "Nostromo")
Tropical Variation (da "Nostromo")
The Silver of the Mine (da "Nostromo")

The Last Stage to Red Rock (da "The Hateful Eight")
La luz prodigiosa (da "La Luz Prodigiosa")
The Battle of Algiers (da "The Battle of Algiers")
Sacco e Vanzetti (da "Sacco and Vanzetti")
Investigation of a Citizen Above Suspicion (da "Investigation of a Citizen Above Suspicion")
Sostiene Pereira (da "Sostiene Pereira")
The Working Class Goes to Heaven (da "The Working Class Goes to Heaven")
Casualties of War (da "Casualties of War")
Abolisson (da "Burn!")
Gabriel's Oboe (da "The Mission")
Falls (from "The Mission")
On Earth as it is in Heaven (da "The Mission")

The Ecstasy of Gold (da "The Good, the Bad and the Ugly")
Abolisson (from "Burn!")