Monolith e gli altri, quando l’AI finisce sul grande schermo

Inserire immagine

Da Ex Machina a Interstellar, passando per Blade Runner (l’originale e il sequel) e 2011: Odissea nello Spazio, ecco quali film prima del thriller psicologico di Ivan Silvestrini, in arrivo in prima visione su Sky Cinema Uno mercoledì 29 settembre, hanno portato la sofisticata tecnologia dell’intelligenza artificiale al cinema

 

Una lotta per la sopravvivenza contro l’auto più sicura del mondo, che sfrutta un sofisticato sistema di intelligenza artificiale per proteggere chi si trova al suo interno: il thriller psicologico Monolith, trasmesso in prima visione su Sky Cinema Uno mercoledì 29 novembre, è solo l’ultima delle tante pellicole per il grande schermo dedicati a cyborg, androidi e realtà artificiali.



Ecco la nostra top 5.

I replicanti di Blade Runner (e sequel)
Era il 1982 quando Ridley Scott portava sul grande schermo la Los Angeles dispotica del 2019 con la partecipazione di Harrison Ford. I protagonisti? Replicanti dalle sembianze umane impiegati nelle fabbriche come forza lavoro nelle colonie extra-terrestri. La guerra fra uomo e intelligenza artificiale si fa serrata, mentre il poliziotto in pensione Rick Deckard con il volto di Ford dà la caccia ai replicanti in fuga. Considerato uno dei film fantascientifici migliori di sempre, Blade Runner è tornato sugli schermi di recente con l’attesissimo sequel Blade Runner 2049 diretto da Denis Villeneuve: questa volta l’agente Deckard insieme al giovane collega Agente K interpretato da Ryan Goslin, si muove in una società dove i replicanti sono ormai integrati. Ma anche in questo caso, qualcosa sfugge al controllo…



2001: Odissea nello Spazio, la favola apocalittica
Considerato una delle pellicole cult di Stanley Kubrick, il film del 1968 mischia quesiti esistenziali a un panorama futuristico, dando vita a quella che può essere definita una favola apocalittica. All’inizio pubblico e critica hanno accolto tiepidamente il film, che nel tempo si è guadagnato il quindicesimo posto nella classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi stilata dall’American Film Institute. In termini monetari, 2001: odissea nello Spazio ha incassato agli esordi 15 milioni di dollari nei soli Stati Uniti e oltre 190 milioni di dollari nel resto del mondo.



L’umanoide di Ex Machina

Il thriller psicologico del 2015 diretto da Alex Garland mette un giovane programmatore di fronte all’umanoide Ava, una macchina costruita in laboratorio dotata di intelligenza artificiale. Ma quanto ha di umano questo esemplare dalle sembianze di donna? Incaricato di capirlo attraverso dei sofisticati test è Caleb Smith, interpretato da Domhnall Gleeson, a cui bastano pochi incontri con la Ava con il volto dell’attrice Alicia Vikander per stupirsi della sua intelligenza e sensibilità, così simile ad un’umana.



Interstellar da Oscar
Vince un Academy Awards nel 2015 per i migliori effetti speciali (e ottiene altre quattro candidature) il film diretto da Christopher Nolan che porta Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain e Michael Caine nello Spazio. Il gruppo di astronauti viaggia attraverso un wormhole, un tunnel spazio-temporale, in cerca di una nuova casa per l'umanità dato che il pianeta Terra sta diventando un ambiente inabitabile per l'uomo. Fra pericoli, scoperte, interrogativi che rimangono aperti, anche per lo spettatore.



A.I. - Intelligenza artificiale secondo Spielberg
Nell’universo del cinema di fantascienza spunta ancora una volta il nome di Stanley Kubrick: per questo film del 2001 diretto da Steven Spielberg, il regista ha infatti preso spunto proprio da un progetto del genio del cinema. La pellicola è ambientata nel 2125, dove l’effetto serra e il surriscaldamento delle temperature e degli oceani ha portato alla scomparsa di alcune delle più importanti città del mondo. Gli umani? Se la devono vedere con i Mecha, dei robot di ultima generazione molto simili agli umani. Ma il vero protagonista è il Mecha bambino, primo robot in grado di provare amore verso un essere umano.



RISPONDI AL QUIZ