Carrie Fisher nominata per un Grammy postumo

Carrie Fisher
Carrie Fisher ha ricevuto una nomination postuma per il suo audiolibro tratto dall'autobiografia "The Princess Diarist" (Getty Images)

L'icona di "Star Wars", morta l'anno scorso a 60 anni, apparirà nel prossimo "Star Wars: Gli ultimi Jedi", impersonando per l'ultima volta la Principessa Leila. La nomination arriva per l'audiolibro tratto dalla sua autobiografia

Nell'annunciare le nomination per i Grammy Awards 2018, un nome apparentemente fuori categoria ha fatto fibrillare i cuori dei fan di "Star Wars". Infatti, candidata a un premio postumo c'è anche Carrie Fisher. L'interprete della Principessa Leila, deceduta a dicembre 2016, è candidata al Grammy per il "Best Spoken Word Album" con l'audiolibro tratto dalla sua autobiografia "The Princess Diarist" ("I diari della principessa. Io, Leia e la nostra vita insieme", edito in Italia da Fabbri Editori).

Un premio in memoria di una star

In un'edizione guidata da Jay-Z, superfavorito con ben 8 nomination, Carrie Fisher emerge dunque tra i candidati per la sezione "Best Spoken Word Album" con il suo audiolibro. Come riporta Nme, non si tratta di una vera e propria lettura pedissequa del volume, bensì di un'esplorazione condotta da Fisher e sua figlia Billie Loude attraverso le pagine dei diari degli anni Settanta. Alla sua uscita il libro era balzato agli onori della cronaca per aver rivelato per la prima volta i dettagli della relazione tra Fisher e il suo collega di set Harrison Ford. Come riporta l'Independent, a contendersi il premio nella stessa categoria c'è anche Bruce Springsteen con la sua audiobiografia "Born to Run", Neil Degrasse Tyson con l'audiolibro "Astrophysics For People In A Hurry", Shelly Peiken con "Confessions Of A Serial Songwriter" e Bernie Sanders con "Our Revolution: A Future to Believe In ".

Una nomination anche per Chris Cornell

Un'altra nomination postuma è stata assegnata anche a Chris Cornell, cantante dei Soundgarden scomparso a maggio 2017. Come riporta Usa Today, il musicista è stato nominato per la categoria best rock performance per "The Promise", brano usato per i credit dell'omonimo film. È stato l'ultimo pezzo cantato da Cornell prima di morire. Le nomination per i Grammy Awards 2018 hanno fatto discutere non solo per la menzione di Carrie Fisher e Chris Cornell, ma anche per l'esclusione di star del calibro di Ed Sheeran, Harry Styles e Taylor Swift. In attesa di sapere se il Grammy le verrà assegnato, sarà possibile assistere all'ultima interpretazione di Carrie Fisher nei panni della Principessa Leila nell'ultimo episodio della saga "Star Wars: Gli Ultimi Jedi".

TAG: