Bookcity Milano 2017, il programma della giornata conclusiva

Inserire immagine
Uno scorcio dell'edizione 2017 di Bookcity (Fotogramma)

La giornata di domenica 19 novembre è dedicata al ricordo di Umberto Eco. Al Teatro Strehel va in scena Daniel Pennac. Ecco una selezione dei principali appuntamenti dell'evento milanese

Volge alla conclusione l'edizione 2017 di Bookcity, l'evento culturale milanese che ogni anno, dal 2012, porta la letteratura per le strade del capoluogo lombardo grazie a incontri, presentazioni, dialoghi, letture ad alta voce, mostre e spettacoli. Con un unico protagonista: il libro, nei suoi più disparati contenuti. Per la giornata conclusiva dell'edizione 2017, domenica 19 novembre, il posto d'onore sarà riservato alla memoria di Umberto Eco, il poliedrico intellettuale scomparso un anno fa. Ma gli eventi sono numerosi, eccone una selezione.

Il finale della maratona

In corso fino alle 12 di domenica al Padiglione Visconti di via Tortona 58, la maratona di lettura “Le voci della città”, iniziata alle 18 di sabato e aperta fino a esaurimento posti. Il progetto, a cura del regista Daniele Abbado, si concentra sul tema delle Lettere luterane, “testo-guida di Pierpaolo Pasolini”, e vede coinvolti artisti, musicisti, attori e scrittori.

Al Piccolo Teatro con Pennac

Va in scena alle 15:30 al Teatro Strehler l'opera dello scrittore francese Daniel Pennac “Il caso Malaussène. Mi hanno mentito”, che vedrà la partecipazione, in questo adattamento per reading teatrale, dello stesso autore con Massimiliano Barbini e Pako Iofredo, per la regia di Clara Bauer. “Un reading - ha commentato la regista - che nasce dal desiderio di condividere con il pubblico la gioia del ricongiungimento con i Malaussène e di mettere in evidenza alcuni passaggi dell’ultimo romanzo di Daniel Pennac che rispecchiano, a mio avviso, lo spirito di questa saga, rimasta così a lungo senza seguito”.

Il ricordo di Eco

Con l'intento di dare omaggio a un intellettuale "che ha fatto grande Milano", Bookcity 2017 si chiude con “Sulle spalle di Eco”, al Teatro Franco Parenti, alle 21. Umberto Eco, scomparso nel 2016 dopo una carriera da studioso di comunicazione di fama internazionale, nonché romanziere di successo a partire da “Il nome della Rosa”, era stato anche il protagonista dell'apertura del primo Bookcity nel 2012. Le sue parole, si legge nel programma, saranno il filo conduttore della serata, a partire dai saggi raccolti in “Sulle spalle dei giganti”.

Gli eventi

Bookcity 2017 si svolge utilizzando 200 diverse location nella città di Milano. Fra i luoghi più ricchi di eventi ricordiamo il Castello Sforzesco, nel quale sono in programma, ad esempio: “Il Divino che si rivela nella maestosità della Natura”, con Folco Terzani, Nicola Magrin e Laura Pezzino (12:30, sala Weiss); “La realtà dell'Islam politico e le ipocrisie del politicamente corretto”, con Maurizio Belpietro, Francesco Borgonovo e Peter Gomez” (16:30, sala Weiss). Appuntamento con l'arte e Vittorio Sgarbi in Piazza Duomo, alle 14:30 per “La gioia del tesoro d’Italia”, da Canova a De Chirico. Alla Casa della Memoria, via Confalonieri 14, poi, si indaga sulla psicologia dell'islamismo con la conferenza “Chi sono i terroristi” (ore 12:30) con Marco Belpoliti, Luigi Zoja, Omar Bellicini, Nicole Janigro. E ancora “Il potere di chi scrive”, con Ferruccio de Bortoli e Milena Gabanelli, al Teatro Franco Parenti, alle 14; “La memoria contundente: perché i conflitti sui simboli del fascismo e del comunismo non finiscono mai”, con Luca Telese a Palazzo Moriggia alle 18:30. Per finire, si torna alla pura letteratura con “Ken Follett tra buona e cattiva fede”, presentato dal giornalista culturale Allessandro Zaccuri, al Centro culturale di Milano, ore 18. Il programma completo della giornata è disponibile sul sito ufficiale di Bookcity 2017.

TAG: