"Spent the day in bed" è il nuovo singolo di Morrissey

Morrissey (foto di repertorio - Getty Images)
3' di lettura

Lo aveva annunciato, in sordina, con un tweet inaugurale sul suo nuovo account social. Ora il singolo dell'ex leader degli Smiths ha anche un videoclip. Farà parte dell'album "Low in high school"

Aveva usato proprio le parole "Spent the day in bed" per inaugurare il suo nuovo account Twitter. Così, a distanza di poche ore, Morrissey non ha dovuto far altro che twittare una piccola clip del video del brano per svelare il rebus e rendere ufficiale l'uscita del suo nuovo singolo: la canzone farà parte del nuovo album dell'ex leader degli Smiths, "Low in high school", in uscita a partire dal 17 novembre.

Un singolo per attaccare i media

"Spent the day in bed" è il primo brano inedito che Morrissey ha diffuso dal 2014, anno di pubblicazione del suo ultimo album, "World peace is none of your business". Come riporta il "Guardian", nel suo nuovo singolo il cantante sfrutta le sonorità dell'organo e delle chitarre per "raccomandare" ai suoi fan di stare a letto e non ascoltare le notizie diffuse dai media. Infatti, come canta nel brano, "l'informazione è fatta per spaventarvi / per farvi sentire piccoli e soli / per farvi sentire come se la testa non fosse più la vostra".

Il messaggio di "Low in high school"

L'attacco ai media giunge il giorno dopo l'apertura di un canale Twitter ufficiale. Dopo il primo messaggio enigmatico, Morrissey ha sfruttato il suo secondo cinguettio per annunciare ai fan quelle che, molto probabilmente, saranno le prossime tappe dei suoi concerti. Ma la campagna di lancio per "Low in high school" non finisce qui, l'ex leader degli Smiths ha infatti scelto di dedicare al suo prossimo album un sito realizzato ad hoc, dove i fan potranno sia preordinare il disco sia trovare informazioni e aggiornamenti sulle attività del cantante. Il primo singolo del nuovo album, è stato presentato con un video in cui è visibile la copertina del disco: nel video le parole di "Spent the Day in Bed" scorrono sul cartello tenuto in mano da un ragazzino davanti a Buckingham Palace. Sullo stesso cartello, nella copertina, si può leggere la scritta "Axe the Monarchy", "Abbattiamo la monarchia". Come riporta il "Guardian", la casa discografica ha dichiarato che questa immagine ha l'intenzione di "catturare lo spirito culturale e lo zeitgeist di un mondo in evoluzione". Ma è allo stesso tempo anche un'autocitazione dal passato, che rimanda al titolo del terzo album in studio degli Smiths, "The Queen is dead", uscito nel 1986.

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24