Concerto Modena, Vasco al sound-check: "Festa contro la paura"

3' di lettura

"Non cambieremo le nostre abitudini, la paura è un nemico e noi non abbiamo paura" ha detto il cantante ieri sera di fronte a 10mila persone ammesse alle prove general del maxi evento di sabato primo luglio. Attesi per domani 220mila spettatori

"Questa è una festa contro la paura, non cambieremo le nostre abitudini. Il nemico è la paura e noi non abbiamo paura". Queste le parole pronunciate da Vasco Rossi dal palco del "Modena Park", durante le prove in vista del concerto previsto per il primo luglio, un evento per il quale è attesa un'affluenza di 220mila persone.  

La denuncia

"Non cambieremo le nostre abitudini", ha detto Vasco Rossi agli oltre 10mila spettatori presenti alle prove generali della vigilia del concerto. Un messaggio di coraggio che richiama alla mente i tanti attentati degli ulti tempi e le stragi jihadiste compiute proprio durante i concerti, come il Bataclan di Parigi nel novembre 2015 e lo spettacolo di Ariana Grande lo scorso 22 maggio a Manchester. Ad accogliere le sue parole un lungo applauso  da parte dei fan presenti al parco e di quelli accalcati nelle strade vicine al parco Ferrari di Modena. Durante le prove, il cantautore ha ripercorso vari successi della sua lunga carriera, anche se la scaletta non è stata rivelata per non rovinare l'effetto sul grande pubblico che sarà presente sabato.

L'organizzazione

I cancelli del Modena Park apriranno sin dalle 9 del mattino: i fan più accaniti aspetteranno dunque 12 ore prima dell'inizio del concerto che celebrerà i 40 anni di carriera di Vasco: un percorso lungo il quale il cantautore ha pubblicato 150 canzoni e venduto 35 milioni di dischi. Con 220mila biglietti venduti, quello che si terrà a Modena è il concerto con il maggior numero di spettatori paganti mai registrato nel mondo per un'unica data. Imponente il dispiego di mezzi per garantire una fruizione ottimale da parte del pubblico: 29 "torri di ritardo" consentiranno un'emissione del suono il più possibile omogenea sulla superficie del parco, che si estende per 400mila metri quadrati. Dal punto di vista visivo sono stati installati 2100 punti luce, 140 laser, 1 megawatt di assorbimento elettrico e oltre 1.500 metri quadri di schermi in movimento. Il palco, costruito con 20 tonnellate di tubi di ferro, è alto come un edificio di otto piani e largo 130 metri.

L'allerta terrorismo

Le forze messe in campo per sventare eventuali attacchi terroristici rivelano un'allerta a livelli altissimi. Gli addetti alla sicurezza sono 5500, mentre le telecamere di sicurezza in grado di effettuare riconoscimento facciale saranno 55. A partire dalle 19 del 30 giugno, fino alle 7 di domenica 2 luglio, tutta l'area del concerto sarà accessibile solo a piedi dagli spettatori muniti di biglietto, con perquisizioni effettuate all'ingresso. Sarà vietata l'introduzione di qualsiasi oggetto che possa prestarsi a usi violenti.

Droni controlleranno l'area del concerto

Tim ha inoltre comunicato di aver potenziato la rete mobile della zona, incrementando di dieci volte la capacità trasmissiva rispetto ai normali standard. Inoltre, a supporto delle attività di ordine pubblico e in coordinamento con la Questura di Modena, è stato anche attivato il servizio di “Sicurezza Pubblica” integrando droni in volo che, dotati di videocamera HD e grazie alla rete 4G, riprendono e inviano immagini dell’area del concerto alla console di monitoraggio delle forze dell’ordine.

Leggi tutto