Nobel a Bob Dylan, l'Accademia: non siamo ancora riusciti a parlargli

Bob Dylan (Kikapress)
1' di lettura

Il cantautore americano si è esibito a Las Vegas senza fare nessun riferimento al prestigioso premio. E dalla Svezia rivelano: abbiamo sentito il suo manager ma non riusciamo a contattare lui

Dopo che a Las Vegas non ha aperto bocca se non per cantare, l'attenzione si è spostata nel week end a Desert Trip per la seconda puntata della "Woodstock dei Senior" assieme ai Rolling Stones. Poi a Phoenix domenica, Albuquerque martedì, il 19 a El Paso, il 22 a Thackerville in Oklahoma.
Instancabile, inossidabile, il premio Nobel per la letteratura Bob Dylan (FOTO) non ha cambiato l'agenda del suo "Never Ending Tour" che da metà degli anni Ottanta lo porta a ricamare il suo messaggio di poesia in musica sulla mappa dell'America.

Ma se l'Accademia dei Nobel ancora non è riuscita a parlare direttamente con il cantante, Dylan potrebbe addirittura non ringraziare mai: così ha ipotizzato uno degli amici storici, il cantante Bob Neuwirth, parlando con il Washington Post

L'omaggio di Carla Bruni:




Dall'Accademia il cancelliere Odd Zschiedrich spiega che l'organizzazione del premio ha parlato "con l'agente e con il manager dei suoi tour, ma non direttamente con lui", anche se minimizza: "Non è la prima volta, anche in epoche moderne, che non si riesce a parlare direttamente con il premiato". 


A Las Vegas Dylan ha deluso chi si aspettava un commento sul premio con cui la giuria di Stoccolma ha allargato, secondo alcuni anche troppo, i confini della letteratura. Fuori dal Cosmopolitan, mentre il collega Paul McCartney cantava in un vicino casinò, i fan avevano fatto la fila per ottenere invano il primo commento dal vivo.

Leggi tutto