Pokemon Go, la app Nintendo è già un fenomeno mondiale

1' di lettura

Le azioni di Nintendo sono alle stelle, in virtù del boom della app per smartphone che consente di catturare le popolari creature con il proprio telefono grazie alla realtà aumentata

E’ il fenomeno videoludico dell’estate, sebbene qualcuno non lo ritenga neanche un vero e proprio videogioco. Ma lo è, in una forma nuova e travolgente, grazie alla sua interattività con il mondo in cui viviamo. Si tratta di Pokemon Go, la seconda app gratuita di Nintendo per smartphone dopo Miitomo, lanciato con successo ma attualmente in flessione. Sono già milioni coloro che hanno installato il giochino nel loro telefono, sebbene non sia ancora stato distribuito in moltissime zone del pianeta, compresa l’Europa. I fan europei delle creaturine inventate da Satoshi Taijiri sono comunque riusciti a scaricare l’applicazione ugualmente, cambiando la propria “ID” e la regione del proprio telefono in modo da ottenere Pokemon Go dagli store americani o australiani, dove è già ufficialmente stato pubblicato. Secondo il Wall Street Journal il lancio nel Vecchio continente è comunque imminente.

Il trailer del gioco



Come funziona - Sviluppato da Niantic, una software house americana con sede a San Francisco fondata come startup interna di Google e oggi indipendente, Pokemon Go è, tecnicamente, una app di “realtà aumentata”. La sfida è usare lo schermo del proprio smartphone per scovare le creature di Nintendo nel mondo vero, ammirarle nei luoghi di tutti i giorni e catturarle per poi sfidare con queste altri “allenatori” appartenenti a squadre diverse. Per trovare i personaggi bisogna camminare e esplorare angoli dapprima sconosciuti del proprio circondario e oltre, favorendo così la curiosità e il senso di scoperta dei giocatori.

Boom delle azioni Nintendo
- Come numero di utenti Pokemon Go è più utilizzato di app come Tinder ed è alle calcagna di Twitter,  rilanciando le azioni di Nintendo, provate dal flop parziale della console Wii U. Questa è la dimostrazione di come, malgrado periodi di crisi relativa, le invenzioni dell’azienda siano davvero radicate nell’immaginario collettivo e non conoscano barriere di età o nazionalità. Il successo di Pokemon Go aumenta quindi le attese per marzo quando sarà lanciata la nuova console domestica, il per ora misterioso Nintendo NX. O quando questa storica industria dell’intrattenimento deciderà di pubblicare per smartphone un gioco dedicato a Super Mario.

Leggi tutto