Legge omofobica in North Carolina: Springsteen annulla concerto

1' di lettura

Il Boss in un comunicato: "E' ora di mostrare solidarietà"

Bruce Springsteen scende in campo in difesa dei diritti Lgbt: l'icona del rock ha infatti deciso di cancellare un concerto in North Carolina a causa del via libera da parte delle autorità locali di una legge che vieta l'adozione di misure anti-discriminatorie della comunità gay e trans.

Springsteen: "E' il momento di mostrare solidarietà" - Lo spettacolo era in programma per domenica a Greensboro. "Sento che è il momento per me e la mia band di mostrare solidarietà a chi combatte per la libertà - ha affermato il Boss in una nota sul suo sito - Di conseguenza, e scusandoci con i nostri fan, abbiamo deciso di cancellare il concerto in programma per domenica 10 aprile".

Protesta anche da Paypal - La legge approvata in North Carolina vieta tra le altre cose ai trans di scegliere il bagno pubblico da usare a seconda della propria inclinazione sessuale ed ha già attirato numerose critiche. Il testo infatti impedisce a persone lgbt di denunciare se sono vittime di discriminazioni. Molte star della musica, oltre a Springsteen anche Miley Cyrus, l'hanno denunciata come discriminatoria e l'azienda di pagamenti online PayPal ha cancellato, nello stato, la creazione di un nuovo centro operazioni che avrebbe occupato 400 persone. La scelta del North Carolina è solo una delle ultime iniziative, concentrate nel Sud degli Stati Uniti, in reazione alla decisione della Corte Suprema dell'anno scorso che legalizzava i matrimoni gay. Recentemente lo stato del Mississipi ha approvato una legge che permette a funzionari pubblici di rifiutare, per motivi religiosi, di concedere la licenza matrimoniale a coppie omosessuali.

Leggi tutto