Al cinema torna la comicità francese con "Tutti pazzi a casa mia". CLIP

1' di lettura

Esce nelle sale italiane la commedia sul disperato tentativo del protagonista di ritagliarsi un'ora di tranquillità da famiglia, amante e vicini di casa. Dietro la macchina da presa un maestro come Patrice Leconte. Il trailer e l'anteprima

Arriva oggi, 29 ottobre, nelle sale italiane "Tutti pazzi a casa mia", la commedia francese diretta da Patrice Leconte, autore in passato di classici come "Il marito della parrucchiera" e "Confidenze troppo intime". Come si intuisce dal titolo originale del film ("Une heure de tranquillité"), tutta la vicenda ruota intorno al tentativo, frustrato, del protagonista Michel (Christian Clavier) di ritagliarsi un'ora di tranquillità per potersi ascoltare un raro disco jazz acquistato al mercatino delle pulci.

La ricerca di un'ora di tranquillità
- Sfortunatamente, proprio quel pomeriggio, tutto il mondo si è messo d’accordo per non concedergli tregua. La moglie (Carole Bouquet) ha deciso di confessargli un segreto che custodiva da anni, l’amante (Valérie Bonneton) ha un’estrema necessità di parlargli, il figlio capriccioso e stravagante (Sébastien Castro) compare all’improvviso con un bel numero di ospiti inattesi (nella clip qui sopra), la madre non smette di chiamarlo al telefono, e ci si mettono anche gli operai che stanno ristrutturando il suo appartamento, oltre al vicino di casa Pavel (Stéphane De Groodt) che ha organizzato la Festa del Vicinato.

Tratto dalla piece scritte da Florian Zeller - "Tutti pazzi a casa mia" è la trasposizione cinematografica della piece teatrale scritta dal giovane autore francese Florian Zeller (autore qui anche della sceneggiatura) e in Francia è stata portata in scena dall'attore Fabrice Luchini. Sul grande schermo il volto del protagonista è invece quello di Christian Clavier, celebre commediante francese, protagonista in passato di film campioni d'incasso come "I visitatori", "Asterix ed Obelix - Missione Cleopatra" e "Non sposate le mie figlie!".

 

 

Data ultima modifica 29 ottobre 2015 ore 10:01

Leggi tutto