Musica, la classifica degli evergreen su Spotify

1' di lettura

Incrociando i dati del servizio di streaming con quelli raccolti sul web da Echo Nest è stata stilata la graduatoria dei 100 classici più ascoltati e di cui si parla di più: sul podio Eagles, Nirvana e Led Zeppelin

Quando la primavera scorsa la piattaforma di musica in streaming Spotify acquistò l'azienda specializzata in analisi dei dati della musica online Echo Nest, nessuno si stupì del merger, perfetto per ottimizzare le playlist suggerite ai propri utenti grazie agli algoritmi che l'acquisita aveva sviluppato insieme al Media Lab del MIT. Come piacevole effetto collaterale c'è stato un lavoro non solo sulle preferenze dei singoli utenti ma anche sui big data che permettono di misurare gli usi e i costumi del consumo di musica in rete in generale. Da questi dati Spotify ha appena elaborato la classifica degli evergreen e cioè i cento brani pubblicati prima del 2000 più amati dagli utenti online.



I criteri - L'analisi è stata effettuata non solo sulle statistiche di Spotify ma anche sulla ricorrenza dei titoli nelle discussioni sui forum e sui social network più frequentati. I risultati non sono completamente attendibili perché mancano sostanzialmente gli artisti non in catalogo Spotify, come ad esempio i Beatles, per citare i più celebri assenti (ma anche John Lennon da solista, i cui diritti sono stati acquisiti solo nello scorso ottobre). Altro caveat da tenere a mente prima di leggere e giudicare la playlist delle canzoni intramontabili è l'evidente e più che comprensibile predominanza di utenti, e quindi di preferenze, di lingua inglese nel campione analizzato. Nessun brano italiano né in altre lingue è presente.



Hotel California – Gli Eagles, con l'indimenticabile Hotel California si posizionano davanti a tutti. Un dato che conferma la fama del brano già sancita da numerose riviste musicali (Rolling Stone la annovera nella hall of fame del rock and roll, al 49esimo posto) ma rappresenta un'eccezione nella fortuna degli Eagles, che a differenza di altre band dello stesso periodo non hanno mantenuto inalterata la propria popolarità col passare delle generazioni di ascoltatori (il loro Greatest Hits, secondo lp più venduto di sempre, ha venduto 26 dei 29 milioni di copie totali prima del 1999). Con questa unica e grande eccezione.



Nirvana e Led Zeppelin – Sugli altri gradini del podio ci sono Smell Like Teen Spirit dei Nirvana e Stairway to Heaven dei Led Zeppelin. Due pietre miliari nella storia della musica pop rock. Il brano della band di Kurt Cobain è l'unico pubblicato dopo il 1971 (è stato pubblicato nel 1991) a essere stato inserito tra le dieci canzoni rock più belle di tutti i tempi da Rolling Stone, la hit di Jimmy Page e Robert Plant invece è quella che ha avuto in assoluto più passaggi in radio.



Top ten - A scorrere la classifica si trovano poi i Queen con Bohemian Rhapsody, Creep dei Radiohead e Eye of the Tiger dei Survivor, la colonna sonora di Rocky che è una delle canzoni più suonate durante gli allenamenti sportivi degli utenti. Poi un terzetto british con Bitter Sweet Simphony dei Verve, Wonderwall degli Oasis e Zombie dei Cranberries. A chiudere la top ten il successo degli anni novanta dei Guns'n'Roses, Sweet Child O' Mine.



Leggi tutto