Addio a Mango, stroncato da un infarto durante un concerto

1' di lettura

Malore per l'artista mentre sul palco di Policoro, nella sua Basilicata, stava cantando "Oro", uno dei suoi brani più noti. Aveva compiuto da poco 60 anni. Centinaia di messaggi sui social network: "La nostra rondine è volata via nel cielo sbagliato…"

Le prime note di “Oro”, uno dei suoi brani più famosi, poi un braccio alzato, qualche momento di incertezza, e in un sussurro: “Scusate”. Quell'ultima parola prima di accasciarsi rivolta al suo pubblico, quello di casa, quello che lo amava di più. Mango è morto così, stroncato da un infarto domenica sera sul palco di Policoro, durante un concerto nella sua Basilicata.

Aveva compiuto da poco 60 anni - Giuseppe o Pino, come preferiva farsi chiamare, che aveva scelto il solo cognome per la carriera artistica, aveva compiuto 60 anni appena un mese fa, il 6 novembre (era nato a Lagonegro nel 1954). Per festeggiarli, in qualche modo, si era regalato a maggio il 23esimo album, “L'amore è invisibile”. Una raccolta di cover, con tre inediti, che ripercorreva, spogliandole e rivestendole, le sue canzoni del cuore da Sting a Don Backy, passando per gli U2, i Beatles, ma anche De Andrè e Lucio Battisti. La musica che lo aveva emozionato, colpito anche solo per un istante.

Musicista già a sette anni - Un amore per la musica, quello di Mango, partito da lontano. Da quando a sette anni già suona in alcune band. Si cimenta con l'hard rock, con il blues, e saranno quelle le basi della sua formazione giovanile. Su tutti, ad influenzarlo, è Peter Gabriel. A 20 anni è già a Roma, per inseguire il suo sogno, poi Milano.

Gli anni del successo - Il primo album lo incide nel 1975, “La mia ragazza è un gran caldo”. Si fa notare da Patty Pravo e da Mia Martini che scelgono di riprendere alcuni suoi pezzi. Il primo vero consenso di pubblico arriva nell'84 con “Oro”, con testo di Mogol. Per uno strano scherzo del destino, o forse no, il brano che gli ha dato il successo, sarà anche quello con cui saluterà per sempre il suo pubblico. Le porte del mercato discografico si spalancano: quattro album in quattro anni e tre partecipazioni consecutive al Festival di Sanremo. In tutto le apparizioni nella cittadina ligure saranno sette come cantante e due da autore.

Il cordoglio in Rete - Sui social network, molte le voci che piangono la sua scomparsa a partire dal suo staff "La nostra rondine è volata via nel cielo sbagliato".


Leggi tutto