"Melbourne", al cinema l'Iran tra Polanski e Hitchcock

1' di lettura

Arriva il 27 novembre nelle sale italiane il film rivelazione della scorsa Mostra del Cinema di Venezia. Un dramma psicologico che si ispira ai classici del cinema occidentale. La clip e il trailer

Film rivelazione allo scorso Festival del Cinema di Venezia, dove ha aperto la Settimana della Critica, Melbourne dell'iraniano di Nima Javidi ha raccolto consensi anche nel corso di altre rassegne cinematografiche nel mondo, dal Festival di Zurigo a quello di Tokyo. Il film, che in Italia uscirà il 27 novembre, distribuito da Microcinema, si discosta dalla tradizionale estetica del cinema iraniano e si ispira invece, come ha raccontato lo stesso regista, al ad autori come Roman Polansky e Alfred Hitchcock.

La trama - Melbourne è un sottile dramma psicologico che si articola all'interno di un appartamento. Amir (Payman Maadi, il protagonista del film Premio Oscar Una separazione) e Sara (Negar Javaherian) stanno per trasferirsi in Australia per continuare i propri studi. Nelle poche ore che li separano dal volo, i due stanno sistemando le ultime cose nel loro appartamento. Con loro, in casa c’è la figlia neonata dei vicini: la tata è dovuta uscire e l’ha affidata alla coppia. Mentre i preparativi per la partenza continuano, e dopo aver chiamato il padre della piccola perché venga a prenderla, Amir e Sara dovranno fare i conti con un evento tragico che rischia di sconvolgere la loro vita.

Un film ispirato a Polanski e Hitchcock - “Un film che mi ha segnato è stato L’appartamento di Billy Wilder - spiega il regista -  Anche se è molto diverso dal mio Melbourne, è un perfetto esempio di come scrivere e dirigere un film di questo tipo. Amo anche Polanski e ho molto apprezzato il modo in cui ha costruito la tensione in pellicole come Frantic e La morte e la fanciulla. Adoro tutti i film di Hitchcock e ovviamente La finestra sul cortile e Nodo alla gola sono stati una grande fonte di ispirazione per Melbourne. Ma se devo citare dei registi moderni, penso soprattutto ai fratelli Coen e a Steven Spielberg”.

Qui sopra una clip in anteprima, qui sotto il trailer del film:



Leggi tutto