Robert De Niro a Roma per ricordare il padre artista

1' di lettura

L'attore è in Italia per presentare Remembering The Artist Robert De Niro Sr, dedicato al genitore, pittore di successo tra gli anni '40 e '50, la cui carriera fu messa in ombra dalla Pop Art. Il documentario in onda su Sky Arte Hd a dicembre

Robert De Niro, l'attore premio Oscar, protagonista di film come Taxi Driver e Il Padrino, è a Roma per presentare il documentario Remembering the Artist Robert De Niro, Sr, dedicato a suo padre, uno dei più importanti pittori newyorkesi del secondo dopoguerra scomparso nel 1993. "Ho voluto questo film perché pensavo, sentivo fosse necessario per mio padre, per portare avanti quella che era la sua eredità, nei confronti della famiglia, dei miei figli e dei loro figli" ha detto Robert De Niro, presentando il film firmato da Perri Peltz e Geeta Gandbhir e basato in gran parte su materiali messi a disposizione dal figlio attore. Il documentario, prodotto dall'americana Hbo, andrà in onda su Sky Arte HD il 28 dicembre.

Chi era Robert De Niro Sr. - Robert De Niro senior, artista appartenente alla celebre 'Scuola di New York', raggiunge il successo all'inizio della sua carriera, fra gli anni Quaranta e Cinquanta del Novecento. Il successo tuttavia è di breve durata: fra la fine degli anni '50 e l'inizio del decennio successivo, il suo lavoro viene messo in ombra prima dall'Espressionismo astratto, poi dallo sviluppo del movimento della Pop Art e del Minimalismo. "Il successo dipende da una serie di fattori, sono tanti gli elementi che contribuiscono - afferma De Niro - e questo sta a significare semplicemente che si può essere grandi artisti ma non necessariamente si riesce a ottenere il riconoscimento che ti aspettavi di ottenere. In realtà mio padre fama e riconoscimento li ha ottenuti dai suoi pari, a livello nazionale e internazionale, ma non a quei livelli che lui pensava di meritare, che meritava".

Il racconto dell'ascesa e del declino dell'artista
- Attraverso lettere e diari personali, inedite immagini familiari, interviste con l'artista, amici ed esperti del mondo dell'arte, il film narra l'ascesa e il successivo declino, le speranze e le frustrazioni dell'artista, dall'infanzia a Syracuse (NY), al fianco di un padre molto esigente, al breve matrimonio con Virginia Admiral, dalla nascita del figlio Robert all'omosessualità non confessata e che viveva in modo conflittuale. "Con lui non ne abbiamo mai parlato, l'ho scoperto quando ero già grande perché mia madre faceva dei  riferimenti", ammette l'attore.

De Niro: "Mio padre era molto orgoglioso di me"
- Come il film rivela, Robert De Niro Senior troverà  conforto raccontando, attraverso le pagine dei suoi diari e nei versi  delle sue poesie, le speranze e i sogni che lo animano, nell'auspicio  che un giorno la sua opera venga riscoperta e ottenga, anche se dopo  la morte, quel plauso di critica che in vita non è mai arrivato. I suoi desideri si sono poi avverati grazie al figlio, l'attore Robert De Niro. "Mio padre era molto orgoglioso dei miei successi, dei miei risultati. I suoi sentimenti erano contrastanti davanti al mio  successo, ma era orgoglioso. Sicuramente io sono stato molto fortunato a ottenere ciò che ho ottenuto e sicuramente lui ha pensato che io  fossi stato molto fortunato", sottolinea l'attore e regista.

Leggi tutto