Il World Press Photo 2013 in mostra a Roma

1' di lettura

Fino al 23 maggio al Museo di Trastevere saranno esposte le immagini premiate nell’ambito della manifestazione internazionale di fotogiornalismo. Il riconoscimento della 57esima edizione è stato assegnato a "Signals" di John Stanmeyer. GUARDA LE IMMAGINI

Il grande fotogiornalismo torna a Roma con la mostra di "World Press Photo 2014". Fino al 23 maggio al Museo di Trastevere saranno esposte le immagini premiate nell’ambito della 57esima edizione di uno dei più importanti riconoscimenti del fotogiornalismo.

LA FOTO VINCITRICE - Scattata dall'americano John Stanmeyer sulla spiaggia di Gibuti, "Signals" ritrae alcuni migranti africani con i telefonini in mano mentre cercano di captare, come piccoli punti luminosi nel buio della notte, la rete della vicina Somalia, per contattare casa.

LA MOSTRA - Le fotografie esposte riportano alla luce i conflitti e i grandi eventi di cronaca dell’ultimo anno. Tra le immagini premiate alcuni reportage in Siria sull'attività delle forze ribelli e gli scatti che testimoniano l'attacco terroristico nel centro commerciale di Nairobi nel settembre 2013. Non mancano poi le fotografie che testimoniano la tragedia dopo il crollo degli edifici che ospitavano fabbriche di abbigliamento in Bangladesh, in cui morirono 1100 persone, e quella seguita al tifone nelle Filippine.

TRE ITALIANI PREMIATI NEL’EDIZIONE 2014 -
Nell’edizione del 2014 sono arrivati alla giuria oltre 98 mila scatti, da 5000 mila fotografi professionisti di 132 diverse nazionalità. I 53 premiati hanno concorso per 9 categorie (Spot News, Notizie Generali, Storie d’attualità, Vita quotidiana, Ritratti in presa diretta, Ritratti in posa, Natura, Sport in azione e Sport in primo piano). Anche tre italiani tra i vincitori: Bruno d’Amicis (nella sezione Natura), Alessandro Penso (nella sezione Notizie generali) e Gianluca Panella, che con le sue immagini di Gaza durante un black out ha ricevuto il terzo premio per i reportage nella categoria "Notizie generali".

Leggi tutto