Peaches Geldof, ora si attendono i test tossicologici

1' di lettura

L'autopsia sul corpo della 25enne non ha fatto luce sulle cause del decesso. Una risposta potrebbe arrivare tra 2-3 settimane. Secondo il Sun, nel 2011 la giovane "ammise di avere il cuore di 90enne" a causa della dieta a base di cibo spazzatura

Ci potrebbero volere diverse settimane prima che vengano rese note le cause della tragica morte di Peaches Geldof, dopo un'autopsia che non è riuscita ad individuare un problema preciso. "L'autopsia si è rivelata inconcludente" ha detto un portavoce della polizia del Kent in un comunicato. Non resta che attendere risultati dei test tossicologici per i quali sono già stati effettuati tutti i prelievi: potrebbero volerci tra le due e le tre settimane. Intanto, il corpo della figlia 25enne di Bob Geldof è stato restituito alla sua famiglia per consentire di effettuare il funerale.

Per Sun ammise di avere cuore di 90enne - Sono in tanti ora a chiedersi quali possano essere le cause della giovane figlia di Bob Geldof, il 62enne fondatore
dei Boomtown Rats, promotore di iniziative benefiche quali Band Aid, Live Aid e Live 8. E il britannico Sun pubblica alcuni estratti di un'intervista inedita fatta a Peaches nel 2011 nel corso della quale ammise di "avere il cuore di un gangster 90enne" a causa della dieta a base di cibo spazzatura e McDonald's che aveva condotto per lungo tempo. La 25enne giornalista e personaggio tv parlando al tabloid nell'agosto di 3 anni fa disse infatti di essere stata messa in guardia dai medici per il colesterolo a livelli di guardia e per questo si era messa a dieta perdendo molto del peso accumulato.  Nella stessa intervista aveva smentito di essere anoressica.


Peaches, che era al secondo matrimonio e aveva due bambini in tenera età, lavorava come Dj, modella e ospite televisiva. La madre, la giornalista rock Paula Yates dalla quale Geldof aveva divorziato nel 1996, era stata stroncata da un'overdose di eroina nel 2000, all'età di 41 anni.

Leggi tutto