Benigni ne "La grande bellezza"? Lo sceneggiatore smentisce

1' di lettura

Umberto Contarello, che insieme a Sorrentino ha scritto il copione che ha vinto l'Oscar 2014 come miglior film straniero, precisa: "Per L'attore e artista fiorentino avevamo pensato a un altro progetto. Jep è Toni Servillo e Toni Servillo è Jep"

"Vi svelo un piccolo segreto: quando io e Paolo Sorrentino abbiamo finito di scrivere la sceneggiatura di La grande Bellezza, il copione è stato presentato a Roberto Benigni; era lui che doveva fare il ruolo che poi è stato di Toni Servillo. Ma Benigni ha rifiutato: diceva che la storia non stava in piedi". Queste, secondo quanto riportato dal sito del Corriere del Veneto, sarebbero state le rivelazioni fatte durante un incontro a Padova con gli studenti del liceo classico Tito Livio da Umberto Contarello, lo sceneggiatore che insieme al regista ha scritto film Oscar 2014 La Grande Bellezza.
Parole, però, smentite da Contarello in persona che precisa - "Non ho mai detto che il ruolo di Jep Gambardella fosse stato pensato per Roberto Benigni e che da lui fosse stato rifiutato: il personaggio è stato immaginato e costruito sin dall'inizio per Toni Servillo".

La smentita - "Prima de la Grande Bellezza - spiega lo sceneggiatore del film che esattamente 16 anni dopo La vita è bella di Roberto Benigni ha riportato nelle mani dell'Italia la statuetta di miglior film straniero (I numeri degli Oscar: l'Infografica) -  avevo immaginato un altro progetto per l'artista e attore di Firenze. Da qui è nato l'equivoco di qualche giornale locale. Il tutto naturalmente non è grave, ma per me che lavoro con le parole queste sono importanti: Jep è Toni Servillo e Toni Servillo è Jep".
La conferma arriva anche dal regista premio Oscar Paolo Sorrentino, che chiarisce: "Per spiegando che "per la Grande Bellezza e in particolare per il ruolo di Jep non si è mai pensato a Benigni".

Leggi tutto