Monuments Men con Clooney alla conquista dell'Italia

1' di lettura

Anteprima a Milano del film diretto dall'attore americano. Ambientato durante la seconda guerra mondiale racconta di un reparto dell'esercito Usa la cui missione era proteggere le opere d'arte. A Sky TG24 dice: "Vale sempre la pena di salvare la cultura"

"Vale sempre la pena difendere la cultura". George Clooney commenta così a Sky TG24 l'idea alla base di Monuments Men, la sua quinta fatica da regista. Il film, che viene presentato a Pioltello, in provincia di Milano, in anteprima nazionale, uscirà in Italia giovedì 13 febbraio in 400 copie.

Chi erano i veri Monuments Men - Tratto dall'omonimo libro di Robert Edsel, The Monuments Men, racconta la storia vera di un plotone costituito da 7 uomini, incaricati dal governo americano, di portare a termine un'insolita missione, quella di volare in Germania per salvaguardare le opere d'arte trafugate dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale.  I veri Monuments Men erano una squadra di quasi 400 persone appartenenti  a 13 nazionalità diverse e legate a vari ambiti culturali, tra cui esperti d'arte critici e direttori di museo, il cui compito era quello di preservare opere d'arte e monumenti storici dal degrado della guerra e dalle mani dei nazisti che se ne appropriavano indebitamente. Il loro lavoro, riconosciuto solo più tardi, riportò alla luce oltre 5 milioni di opere d'arte in Francia, Germania e Italia. Alla base del film c'è un fatto storico: il 23 giugno 1943 il  presidente degli Stati Uniti d'America, Franklin Delano Roosevelt,  approvò 'La seconda Commissione Roberts', dal nome del suo presidente Owen J. Roberts, destinata al salvataggio del patrimonio artistico e  culturale nelle zone di guerra e da cui si originò il particolare  programma "Monuments, Fine Arts, and Archives".

Il cast del film - Il cast scritturato da George Clooney, che è  regista, attore e co-produttore del film, comprende un team di icone cinematografiche come Matt Damon, Cate Blanchett, Bill Murray, John  Goodman, Jean Dujardin, Bob Balaban e Hugh Bonneville. I personaggi del film ritraggono solo alcune delle figure principali che ebbero un ruolo cardine in questa missione, tra cui quella di George Stout, direttore di museo e specialista nella conservazione delle opere artistiche, nonché fondatore del primo laboratorio degli Stati Uniti dedicato allo studio della conservazione artistica. Nel film è interpretato dallo stesso George Clooney, sotto il nome fittizio di Frank Stokes.

Leggi tutto