"Pericolo verticale": arriva l'action reality di Argentero

1' di lettura

Girato in Valle D'Aosta, condotto e prodotto dall'attore, andrà in onda ogni mercoledì alle 22.50 su Sky Uno HD a partire dal 22 gennaio. Protagonisti saranno guide alpine, medici e piloti di elicotteri addestrati a intervenire in situazioni limite

Adrenalina, avventura, emozione, corse contro il tempo ed altruismo si fondono nel nuovo action reality in 8 puntate Pericolo verticale, condotto e prodotto da Luca Argentero, in onda dal prossimo 22 gennaio, ogni mercoledì alle 22.50 su Sky Uno HD (e disponibile su Sky On Demand e Sky Go).
Nato da una passione che Luca Argentero ha coltivato fin da bambino, l’action reality è stato girato in Valle d’Aosta.

E’ lì che si muovono uomini e donne del soccorso alpino della Valle D'Aosta - i protagonisti del reality accanto ad Argentero - guide alpine, medici, verricellisti e piloti di elicotteri addestrati a intervenire in situazioni limite, situazioni in cui anche una piccola distrazione può essere fatale.
La spettacolarità degli interventi di soccorso in alta montagna, e l'estrema prossimità con il pericolo, forniscono in maniera naturale un palcoscenico perfetto che terrà lo spettatore sospeso sul filo dei minuti. Lo stile della narrazione è quello dell'action più spinta, che si avvale delle più moderne tecnologie di ripresa, documentando l’intervento in tutte le sue fasi: dall’arrivo dell'allarme alla centrale operativa, alla preparazione dell'intervento, al trasferimento in elicottero, per arrivare al cuore dell’intervento in alta quota e messa in sicurezza, seguito dall’eventuale stabilizzazione delle condizioni mediche del paziente e trasferimento del ferito in ospedale o pronto soccorso; a questo seguirà il breefing della squadra alla centrale operativa sull'esito intervento.

Luca Argentero accompagnerà il racconto delle otto puntate avvalendosi di animazioni grafiche, raccontando al pubblico la tipologia dell’intervento e illustrandone le fasi salienti; il suo ruolo sarà quello di un vero e proprio compagno di viaggio che, insieme allo spettatore, attraversa il rombante silenzio dei 4000 metri per scoprire il salvataggio in tutte le sue fasi.

Leggi tutto