David di Donatello, vince "La migliore offerta" di Tornatore

1' di lettura

La pellicola del regista siciliano porta a casa sei statuette e batte “Diaz” di Daniele Vicari. Doppietta per Valerio Mastandrea che si aggiudica il riconoscimento per il miglior attore protagonista e non. Premiati anche Margherita Buy ed Ennio Morricone

Alla fine l'ha spuntata “La migliore offerta” di Giuseppe Tornatore: il testa a testa con “Diaz” (disponibile su Sky Cinema) di Daniele Vicari - entrambi candidati a 13 statuette - si è risolto a favore del primo, che porta a casa sei David di  Donatello, tra cui miglior film e miglior regia (oltre ai costumi, le scenografie, il David Giovani e le musiche di Morricone, per il quale c'è stata la standing ovation, con il maestro commosso: "E' come se fosse il primo che vinco"), contro i quattro del secondo (montaggio, effetti speciali visivi, presa diretta e Procacci come produttore).
E' stata anche la serata di Valerio Mastandrea, però, che mette a segno un'importante doppietta come migliore attore protagonista - per “Gli equilibristi” di Ivano De Matteo - e come non protagonista  per “Viva la libertà” di Roberto Andò. Quest'ultimo porta a casa anche il David per la miglior sceneggiatura, firmata dallo stesso regista insieme ad Angelo Pasquini.
Per quanto riguarda le interpreti femminili, Margherita Buy vince come migliore attrice protagonista (“Viaggio sola” di Maria Sole Tognazzi), mentre Maya Sansa è premiata per la prova da non  protagonista in “Bella addormentata” di Marco Bellocchio.

Il David per il miglior regista esordiente è andato a Leonardo Di Costanzo per il film “L'intervallo”, mentre “Reality” di Matteo Garrone ottiene tre statuette per la miglior fotografia (del compianto Marco Onorato, con  il figlio Martino che ha ritirato il riconoscimento), il trucco e le acconciature.
La migliore canzone originale è “Tutti i santi i giorni” dell'omonimo film diretto da Paolo Virzì, mentre “Amour” di Michael Haneke ottiene l'ennesimo riconoscimento (miglior film dell'Unione Europea), con “Django Unchained” di Quentin Tarantino premiato come miglior film straniero. Il David per il miglior documentario di lungometraggio va a Roland Sejko per “Anija - La nave”, mentre “L'esecuzione” di Enrico Iannaccone è il miglior cortometraggio.

Leggi tutto