Italia Loves Emilia, Sky dona oltre 545mila euro

1' di lettura

I fondi sono stati ricavati dalla vendita in pay per view del concerto di solidarietà dello scorso 22 settembre e saranno destinati alla ricostruzione di una o più scuole distrutte dal sisma di maggio

Sky Italia comunica che, grazie alla straordinaria prova di solidarietà dei propri abbonati, sono stati donati oltre 545mila euro a “Italia Loves Emilia Onlus”, l’associazione nata per raccogliere fondi destinati alle popolazioni colpite lo scorso maggio dal sisma in l’Emilia-Romagna. I fondi sono stati ricavati dalla vendita in pay per view sui canali Sky Primafila dei “biglietti televisivi” del concerto-evento di Campovolo del 22 settembre scorso, e destinati integralmente all’associazione benefica.

Fondi destinati alle scuole - La donazione, come previsto dall’associazione “Italia Loves Emilia Onlus” insieme a organizzatori del concerto e artisti coinvolti, sarà destinata alla ricostruzione di una o più scuole danneggiate dal sisma. L’utilizzo dei fondi e le spese sostenute saranno controllati e revisionati da un ente nominato in fase di costituzione dell’ associazione e documentati in tempo reale sul sito ufficiale www.italialovesemilia.it. L’evento, seguito da migliaia di persone sia dal vivo sia in televisione, ha visto la partecipazione di grandi big della musica italiana come Biagio Antonacci, Claudio Baglioni, Elisa, Tiziano Ferro, Giorgia, Lorenzo Jovanotti, Ligabue, Litfiba, Fiorella Mannoia, Negramaro, Nomadi, Renato Zero e Zucchero.

La replica del concerto - Sky Tg24, come già avvenuto in occasione della raccolta fondi per la scuola di Monterosso e per il pronto soccorso pediatrico dell’Aquila, seguirà costantemente  i progetti che beneficeranno dei fondi raccolti dall’associazione, tenendo così informati sull’avanzamento dei lavori coloro che hanno offerto il proprio contributo. Il concerto verrà ritrasmesso su Sky Uno il giorno di Natale, martedì 25 dicembre, alle ore 21 (e in replica il giorno di Santo Stefano, il 26 dicembre, alle ore 13.30).

Leggi tutto