Robert Redford a Venezia con "The company you keep"

1' di lettura

La pellicola, presentata fuori concorso, racconta la resa dei conti con la giustizia di un gruppo di attivisti responsabile di azioni di terrorismo ai tempi del Vietnam. "C'è un parallelo coi Miserabili", spiega a SkyTG24 l'attore e regista

Robert Redford, star alla mostra del cinema di Venezia con il thriller politico di cui è anche regista "The Company You Keep". Tratta da un romanzo di Neil Gordon, la pellicola, presentata fuori concorso, racconta la resa dei conti con la giustizia per un gruppo, i Weather Underground, che durante le proteste contro la guerra del Vietnam fece azioni di vero e proprio terrorismo. Un investigatore testardo, interpretato da Shia Labeouf, insegue un avvocato, lo stesso Redford,  finché non ne scopre la vera identità, di presunto terrorista politico.

"Sono stato attratto – spiega l’attore e regista a SkyTG24 - dall'idea che questa potesse somigliare a I miserabili. La storia di un uomo che va in carcere per aver rubato del pane da giovane e quando esce dal carcere si vede costretto ad assumere un’altra identità".
"Nei primi anni ’70 - dice ancora Redford - ero attore, avevo appena creato una famiglia e le parole di quei ragazzi mi colpirono molto".

Ma al di la della storia, imbevuta di riferimenti politici sul movimento pacifista e anche quello radicale degli anni '70 "il film è prima di tutto incentrato su cosa è disposto a fare un uomo per l'amore dei suoi figli", ha spiegato Redford che nel film va a ritrovare, con l'Fbi alle calcagna, la sua ex compagna (Julie Christie), che si era macchiata del crimine per cui lui era ricercato, per convincerla a costituirsi e a scagionare lui stesso, padre di una dodicenne.

Leggi tutto