Obama-mania sul grande schermo

1' di lettura

Il rapper canadese Drake si è già fatto avanti: vorrebbe essere il presidente Usa in un film sulla sua vita. In passato si era parlato di Will Smith e Denzel Washington. Per ora l'unico ad averlo interpretato è l'adolescente Hasan Faruq. I VIDEO

Guarda anche:
Barack Obama, fotostoria di un sogno americano
America 2012, l'album delle elezioni

di Greta Sclaunich


L'ultimo a proporsi per vestire i panni del primo presidente afroamericano degli Usa è il rapper Drake, 25enne canadese. La sua auto-candidatura è arrivata durante il Sundance Film Festival: “Spero che qualcuno faccia presto un film sulla vita di Obama perché vorrei interpretarlo. E’ il mio obiettivo”. Dice di essere pronto per la parte: “Guardo tutti i discorsi di Obama. Sto molto attento e ascolto tutte le inflessioni della sua voce: se chiedete ai miei amici, vi diranno tutti che sono molto bravo nelle imitazioni”.
Forse non basterà. Non è il primo attore a voler interpretare vita e ascesa politica di Barack Obama: in passato ci hanno provato (senza riuscirci) dei veri pesi massimi del cinema d’oltreoceano.
Il primo è stato Will Smith, che si è fatto avanti non appena Obama è arrivato alla Casa Bianca. Pare che al progetto fosse interessato anche Denzel Washington, anche se lui ha sempre smentito. In ogni caso, fra i due, il presidente degli Usa avrebbe preferito Will Smith: “Ha le orecchie a sventola come me”, ha dichiarato ridendo durante lo show televisivo dell'ex modella Tyra Banks, quando era ancora il senatore dell’Illinois in corsa per la presidenza.



Se nella realtà Obama è il primo presidente nero degli States, al cinema ce ne sono già stati diversi. Come Morgan Freeman, che nel 1998 interpretò la parte del presidente afroamericano Tom Beck in “Deep Impact”. Un film drammatico, diretto da Mimi Leder, dove si sfiora la fine del mondo a causa di una cometa in rotta di collisione con la terra.



Ugualmente catastrofico, anche “Il quinto elemento” (1997, di Luc Besson) porta in scena un presidente nero. E’ Tommy "Tiny" Lister, attore ed ex wrestler che veste i panni del presidente Lindberg.



Sarà perché una delle profezie di Nostradamus lega la fine del mondo all’avvento di un “Papa nero” (e c’è chi si chiede se non si intenda un presidente potente come quello degli Usa) ma nei film catastrofici compaiono spesso capi di stato afroamericani. Anche in presidente Thomas Wilson in “2012” (2009, di Roland Emmerich) è interpretato dall’attore di colore Danny Glover.



Per ora, l’unico attore ad aver effettivamente portato sullo schermo il 44esimo presidente degli Usa è Hasan Faruq, un adolescente americano che nel 2010 ha vestito i panni di Obama ragazzino nel film tv di produzione indonesiana "Obama Anak Menteng" (Il piccolo Obama). Il film racconta gli anni in cui Obama bambino visse a Giacarta insieme alla madre, al patrigno e alla sorellastra.

Leggi tutto