Eclettico e irregolare: arriva il "Piccolino" di Mina

1' di lettura

Esce il 22 novembre il nuovo album di inediti della Tigre di Cremona, un vasto e variegato guardaroba da cui la cantante pesca e indossa abiti diversissimi tra loro: dal pezzone di grande levatura al testo ironico. VIDEO

Stavolta, sulla cover del nuovo album di inediti, 'Piccolino', nei negozi dal 22 novembre, appare in un'immagine lunare, distante, affascinante, in bianco e nero. Come un'aliena. Tutor di se stessa e direttore artistico della sua carriera da sempre, Mina propone al suo pubblico un disco-caleidoscopio, un piccolo capolavoro, che si chiude con una canzone cantata da un altro.
"Questo dimostra che mia madre è la più matta di tutti", commenta Massimiliano Pani, che torna nel ruolo di produttore curando anche molti degli arrangiamenti riferendosi a 'Dottor Roberto'.

Una canzone sketch (contenuta solo nella versione deluxe del cd) in cui Mina lascia la scena alla voce recitante maschile, quella di un perfetto sconosciuto, l'autore del brano Stefano Gislon, ottico di Aviano del Friuli, facendogli da spalla con qualche vocalizzo. "Quando me l'ha proposta ho detto 'ma siamo sicuri? - racconta Pani - E' fantastico prendersi in giro. E' uno dei suoi colpi di genio. Nel disco c'è la grande cantante e la follia vera. Mina cerca di dare il prodotto piu' completo e forte al pubblico, ma si deve divertire anche lei".
'Piccolino' sembra quasi un vasto e variegato guardaroba da cui Mina pesca e indossa mirabilmente abiti diversissimi tra loro: dal pezzone di grande levatura come 'L'uomo dell'autunno' scritta da un autore di grande mestiere come Maurizio Fabrizio, al pezzo ironico come 'Dottor Roberto'; dal rock di Giuliano Sangiorgi, autore di 'Brucio di te' e dell'acrobatica 'E cosi' sia', al blues di Daniele Mingardi ('Canzone maledetta').

Leggi tutto