'Too big to fail': su Sky arriva il film sul crack Lehman

1' di lettura

La pellicola, che sarà presentata al festival del Film di Roma il 2 novembre e andrà in onda venerdì 4 alle 21.10 su Sky Cinema1HD, racconta i retroscena della crisi finanziaria del 2008. Con un cast d'eccezione, capitanato da William Hurt. L'ANTEPRIMA

Guarda anche:
Tre anni fa il crack che ha cambiato il mondo
Fallimento Lehman Brothers: quando è cominciata la crisi
Lehman e i risparmiatori che aspettano ancora i risarcimenti

La crisi finanziaria sbarca al festival del Film di Roma e su Sky Cinema1Hd. Nei giorni in cui gli occhi sono puntati sui mercati di tutto il mondo, la crisi dei debiti sovrani preoccupa l'economia mondiale e la protesta degli "indignati" attraversa l'Occidente, l’avvincente dietro le quinte della crisi del 2008 e del fallimento del colosso Lehman Brothers è raccontata nel tv movie "Too big to fail –  Il crollo dei giganti".
La pellicola sarà presentata in anteprima fuori concorso nella Selezione Ufficiale della sesta edizione Festival Internazionale del Film di Roma, mercoledì 2 novembre alle 22, e andrà in onda venerdì 4 novembre alle 21.10 su Sky Cinema1HD.

Prodotto da HBO e diretto dal Premio Oscar Curtis Hanson, regista del cult LA Confidential,  il film è basato sull’omonimo bestseller di Andrew Ross Sorkin, reporter del New York Times, che mise a segno dalle colonne del giornale un'incredibile serie di scoop, svelando i retroscena e gli scandali dietro alla crisi. Il thriller politico-finanziario ripercorre dunque le drammatiche settimane nelle quali a Wall Street si decideva il destino dell’economia mondiale, nell’errata convinzione che, qualunque cosa accadesse, le istituzioni finanziarie americane fossero “troppo grandi per fallire".

Al centro dell’intreccio Henry "Hank" Paulson, interpretato da uno straordinario William Hurt, il segretario del Tesoro ed ex Presidente e Amministratore Delegato di Goldman Sachs che suo malgrado si trova coinvolto nel tentativo di salvare dal fallimento la Lehman Brother. Paulson viene spronato dal CEO della banca Dick Fuld (James Woods) a scovare un pezzo grosso dell’economia disposto ad investire nella Lehman Brothers che vacilla sotto i colpi della crisi dei mutui subprime e dell’imminente bancarotta. Attorno alla disperata impresa del protagonista ruotano i "giganti" che governano l'economia del pianeta, portati in scena da un cast d’eccezione: Paul Giamatti è il Presidente della Federal Reserve Ben Bernanke; Billy Crudup è Timothy Geithner, Presidente della New York Federal Reserve Bank; Bill Pullman dà il volto al Presidente e Amministratore Delegato di JP Morgan Chase Jamie Dimon; James Woods veste i panni di Dick Fuld; Cynthia Nixon stavolta assistente segretario per gli affari pubblici al Dipartimento del Tesoro.

Hanson racconta così la relazione simbiotica tra Wall Street e Washington, dalle manovre elaborate nei feudi dell'alta finanza e nei corridoi della politica, fino agli incontri segreti e alle trattative riservate. Il film affonda lo sguardo in ciascun aspetto della colossale crisi economica, non tralasciando le vicende umane, ossia le scelte, le passioni, le illusioni e la sete di potere di un ristretto gruppo di uomini e donne che in poche settimane decisero le sorti dell’economia mondiale.

Leggi tutto