Benigni show alla festa per Umberto Eco

1' di lettura

A San Leo per celebrare la cittadinanza onoraria dell’amico scrittore, il comico toscano non ha resistito alla tentazione: "Voglio la cittadinanza di Arcore". E tra Berlusconi e Cagliostro, non è mancato qualche riferimento al referendum… GUARDA IL VIDEO

Guarda anche:
SPECIALE REFERENDUM
Benigni a Obama: "In Italia dittatura di fonici comunisti"

Travolgente e esilarante come sempre. Roberto Benigni, in occasione del conferimento a Umberto Eco della cittadinanza onoraria del borgo di San Leo, ha improvvisato sul palco allestito nel cortile della rocca, uno show dei suoi. Doveva celebrare l’amico scrittore e semiologo, ma non ha potuto fare a meno di concedersi qualche sberleffo ironico tra referendum, Cagliostro e Berlusconi.

"Sono davvero orgoglioso ed emozionato di essere qui a festeggiare la cittadinanza onoraria conferita a Umberto Eco – ha esordito l'attore e regista toscano -. Leggere davanti a lui brani delle sue opere" - tratte da 'Il nome della rosa', 'Il pendolo di Foucault' e 'Il cimitero di Praga' - "è come leggere Aristotele con Aristotele presente".

Non sono mancate poi le battute sul premier: "A me che parlo da 17 anni di Berlusconi perché non mi danno la cittadinanza onoraria di Arcore? La voglio chiedere ufficialmente". E ancora: "In un articolo, tempo fa, Eco ha detto di San Leo: una rocca e due chiese. Mi hanno chiesto di Arcore, dovrei rispondere un uomo e trenta escort". Quanto basta per dare il là a una riflessione semiseria sul Conte di Cagliostro, illustre recluso nella fortezza romagnola, intrecciata con l’attualità.
"Qui a San Leo - ha scherzato Benigni - ho visto la cella di Cagliostro, un personaggio straordinario che riusciva a manipolare le teste degli altri, un seduttore con un sacco di donne. A un certo punto si è dichiarato il più grande alchimista degli ultimi 150 anni - ha sorriso -, ha giurato sui figli. E la moglie ha detto: guardate è malato. Alla fine lo hanno messo qui in questa cella a San Leo. Ora la cella è vuota, a trovarlo un altro così...”.
Tra una risata e l’altra, infine, anche un riferimento ai quattro referendum che si votano domenica 12 e lunedì 13 giugno sull’acqua, il nucleare e il legittimo impedimento.

Guarda il video dello show di Benigni:


Leggi tutto