Con Super 8 tornano gli anni '80 di Spielberg

Una scena da Super 8
1' di lettura

Arriva nelle sale americane il nuovo film di J.J. Abrams, prodotto dal regista di Jurassic Park e Indiana Jones. Ambientato alla fine degli anni '70 e con protagonista un gruppo di ragazzi è un omaggio a titoli come E.T e Incontri ravvicinati del III tipo

Guarda anche
Tutti i segreti del film
Super 8: le immagini dal film

"Un'anomalia completa nel panorama dei grossi kolossal cinematografici estivi". Così J.J. Abrams ha definito il suo Super 8, film che lo vede alla regia, mentre Steven Spielberg ne è il produttore. L'anomalia consiste nel mistero che ha avvolto il film sino a poco tempo fa. Solo recentemente infatti è stata rivelata la trama di questo film che Abrams ha definito criptico persino nel titolo: "La maggior parte dei fruitori del cinema oggi non sanno nemmeno più cos'è il Super 8" ha detto il regista di Lost alla presentazione losangelina del film.

Ambientato nell'Ohio del 1979, il terzo progetto cinematografico di Abrams dopo Star Trek e Mission Impossible III, racconta di sei ragazzini che utilizzano una cinepresa Super 8 per girare il loro zombie movie. Una notte, nei pressi di un binario della ferrovia, assistono a una spettacolare calamità: un camion si scontra con la locomotiva di un treno di passaggio e dai rottami emerge qualcosa di decisamente non umano. Incontri ravvicinati del terzo tipo, E.T. e Jurassic Park. In Super 8 c'è un pò dei tre capisaldi della cinematografia di Spielberg, ma Abrams dice "Non è un omaggio a lui, non è mai stata mia intenzione. Volevo rivisitare un periodo della mia vita. Quell'epoca per me è inquadrata all'interno dei film che adoravo, e molti di quei film sono di Steven. Quando ripenso alla mia vita non riesco a separare il cinema da quell'epoca in cui ero bambino e facevo film in Super 8". Super 8 prende il nome da un formato cinematografico degli anni '60, inventato da Kodak e diventato presto molto popolare. Per molti anni il Super 8 ha rappresentato un rito di passaggio per diverse generazioni di aspiranti registi, Spielberg e Abrams fra gli altri.

Super 8 , spiega il regista, è nato dalla commistione di due diverse idee di sceneggiatura, una che raccontava di un gruppo di giovanissimi alle prese con una cinepresa e con il loro primo film e l'altro incentrato su un viaggio organizzato dal governo americano per spostare dalla famosa Area 51 i segreti contenuti nella base militare, ormai diventata troppo famosa "Entrambi i progetti erano deboli - dice Abrams - ma messi insieme avrebbero potuto funzionare. Ne ho parlato con Spielberg che si è entusiasmato. Mi ha raccontato come per anni avesse cercato di fare un film su un brutto divorzio e poi un giorno avesse deciso di mischiare la trama con elementi sci-fi. Il risultato fu E.T." Più che un omaggio a Spielberg dunque, Super 8 e' un mix di generi, come il regista di Shindler's List ama spesso fare. E' un thriller, uno sci-fi movie ed è il racconto di un'estate quando l'infanzia sfocia nella adolescenza, alla Stand by Me. E' anche, e soprattutto, un omaggio agli anni settanta, quando non c'era l'home-video, non c'era internet e alla radio la band Knack suonava My Sharona "Quella canzone fa parte della colonna sonora del film, insieme alla musica dei Commodores, Blondie, Cheap Trick, The Cars, ELO". Conclude Abrams. Super 8 uscirà questo fine settimana negli Stati Uniti per arrivare in Italia a settembre.

Il trailer del film:

Leggi tutto