Satira, rock, inni per l’Italia: ecco l’altra piazza di Roma

Una foto del concerto in Piazza San Giovanni del 1 maggio dello scorso anno
1' di lettura

Terminata la cerimonia di beatificazione di Papa Wojtyla, a San Giovanni va in scena il classico Concertone del 1 maggio. Musica, ironia politica e omaggi ai 150 anni dell’Unità nazionale, come la rivisitazione di "Fratelli d'Italia" ad opera di Finardi

Tanta musica ma anche molta satira, in salsa 'par condicio' in vista delle elezioni, sul palco del “Concertone” del Primo maggio a Piazza San Giovanni. La manifestazione, organizzata da Cgil, Cisl e Uil, dedicata quest'anno ai 150 anni dell'Unità d'Italia, è ricca di star e di contenuti come non si era mai visto, con diverse esecuzioni di 'Va pensiero' e l"Elegia per l'Italia' di Morricone, brano che unisce il coro verdiano e il nostro inno nazionale. Merito fondamentale di Marco Godano, l'instancabile direttore artistico che, assieme a Luca Fornari, ha messo insieme la lunga maratona presentata da Neri Marcorè.
Imponenti le misure di sicurezza visto che quest'anno l'evento si svolge in contemporanea alla beatificazione di Papa Wojtyla.

L'evento ha preso il via alle 15.15 con l'Anteprima del Concerto condotta dal cantautore Enrico Capuano. La novità principale sta nella grande quantità di attori teatrali e cinematografici sul palco di Piazza San Giovanni, da Ascanio Celestini a Gherardo Colombo (l'ex Pm della procura milanese ai tempi di 'mani pulite'), Anna Bonaiuto, Mariano Rigillo, Claudio Santamaria, Sonia Bergamasco, Marco Presta, Carlotta Natoli. Inoltre sarà proiettato un video di Andrea Camilleri e non mancheranno le vignette di Altan.

Satira, dunque, ma "molto sacrificata", come ha spiegato il conduttore Marcorè, per via della 'par condicio' imposta dall'avvicinarsi delle elezioni amministrative. Altra particolarità del Concertone 2011 la ricorrenza dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Gli artisti presenti al Concertone celebrano il centocinquantesimo con diverse esecuzioni dell'Inno di Mameli e del verdiano 'Va pensiero'. A dare il via la versione rock dell'inno di Mameli da parte di Eugenio Finardi (ascolta l'intervista nel video in alto).

Leggi tutto