Michael Jackson, polemiche per "le foto dello scandalo"

1' di lettura

Due immagini (in una delle quali il "Re del pop" è nudo) sono state ammesse nelle carte del processo che vede imputato il suo medico, Condrad Murray, accusato di aver provocato la morte del cantante somministrandogli un potente anestetico. LO SPECIALE

ADDIO A JACKO: IL RE DEL POP - LE IMMAGINI
Thriller, l'album dei ricordi e dei misteri

(in fondo all'articolo tutti i video sui suoi funerali)


Il processo comincerà solo tra due settimane, il 9 maggio, ma la battaglia legale attorno alla morte di Michael Jackson sta già provocando le prime polemiche.
Il tribunale di Los Angeles che sarà chiamato a giudicare le eventuali responsabilità del medico curante del "Re del pop", Conrad Murray, ha deciso di ammettere tra le carte del processo le foto dell'autopsia e alcuni video del cantante durante le prove, nei suoi ultimi giorni di vita.
Il giudice Michael Pastor, della corte californiana, ha quindi accolto una richiesta dell'accusa, che grazie alla visione di queste immagini, cercherà di dimostrare che Jackson, prima di morire il 25 giugno del 2009, godeva di ottima salute.

Le foto - Le "foto dello scandalo" (così battezzate da diversi quotidiani) sono due: in una è completamente vestito, nell'altra è nudo. La difesa del medico s'è opposto a questa decisione, preoccupata che la vista di queste immagini particolarmente toccanti, possa alla fine condizionare negativamente la giuria.
Nel video ammesso al processo, Jackson canta due tra le sue canzoni più famose: "The way you make me feel" e "Earth Song".
Secondo il procuratore, David Walgren, vedendo queste immagini, i giurati potranno capire quanto Jackson fosse "energetico" e "pieno di voglia di partecipare al tour che avrebbe segnato il suo ritorno sulla scena internazionale".

Processo al via il 9 maggio - Inoltre, sempre Pastor, ha bocciato la richiesta dei legali del medico, di includere nel processo alcune prove che avrebbero dimostrato i problemi finanziari della stella del pop, e le numerose denunce penali che aveva subito negli ultimi anni.
"Non vogliamo in nessun modo - ha spiegato il giudice - che questo processo si trasformi in una analisi dei suoi problemi finanziari".
A questo punto, tutto sembra essere pronto per il 9 maggio, quando tutti i media mondiali si concentreranno su questo ennesimo processo attorno alla figura di Michael Jackson. Stavolta sul banco degli imputati ci sarà Condrad Murray, accusato di aver provocato la morte del cantante somministrandogli un potente anestetico, il Propofol, assieme ad altri sedativi.

Guarda i video sui funerali di Jacko

Leggi tutto