William e Kate, scommettete che...?

William e Kate
1' di lettura

Quanto durerà il matrimonio più atteso dell’anno? Chi commetterà la prima gaffe il giorno delle nozze? I bookmaker britannici si sono scatenati aprendo giocate di ogni tipo. La più quotata? Quando nascerà il primo rampollo della neo-famiglia reale. FOTO

Guarda anche:
William e Kate: sfoglia l'album reale
Scopri i gadget più pazzi sui reali
William e Kate, una bufala di matrimonio

di Anna Toppani

Hanno previsto ogni dettaglio del loro matrimonio: quando sarà il momento del primo rampollo della neo-famiglia reale? Quanto durerà il matrimonio? Chi commetterà la prima gaffe il giorno delle nozze? Insomma, c’è né per tutti i gusti. William e Kate dal giorno dell’annuncio del loro fidanzamento non hanno più avuto un momento di pace. E i bookmaker britannici, come riporta l’agenzia Agipronews, non si stanno lasciando sfuggire neanche un dettaglio, e quotidianamente aprono nuove giocate riguardo i futuri sposini e il giorno delle nozze.

L’ultima in ordine di tempo l’ha sottoscritta il bookmaker William Hill, che ha aperto le giocate su cosa avrà in testa la sposa durante la cerimonia nuziale: si gioca a 12 volte la scommessa che Kate in chiesa indosserà la tiara che fu già di lady Diana durante il matrimonio con Carlo. Si sale a 34 invece sul fatto che Kate avrà solo un mazzetto di fiori nei suoi capelli durante la cerimonia. Interrogativi cosmici: l’austerità dell’etichetta conta poco? E allora chi sarà il primo a commuoversi durante la cerimonia? I bookmaker d’oltremanica puntano forte sulla famiglia Middleton: il pianto di felicità della madre Carole, è offerto a 3, quello della figlia sull’altare è a 3,50, per l’emozione di papà Michael la quota è 7. Più difficile che a "cedere" siano i membri della famiglia reale, con Camilla prima in lavagna a 6, Carlo e la regina Elisabetta a 21 e 17, mentre il pianto dello sposo pagherebbe 13 volte la posta.

L’imprevisto, poi, è sempre dietro l’angolo, anche per un evento pianificato nei minimi dettagli. E proprio su gaffe e contrattempi reali si sono focalizzati gli allibratori britannici. Le ultime in ordine cronologico, riguardano Kate che sbaglia a pronunciare l’ordine di nomi reali del futuro marito, ipotesi da 3. Dalla sposa allo sposo, facendo un passo indietro, più precisamente allo "Stag Night", l’addio al celibato secondo la tradizione britannica. William pizzicato in uno strip club la sera prima delle nozze sarebbe uno scoop che pagherebbe 22 volte la scommessa. Ancora imprevisti per William: uno strappo nei pantaloni al momento di inginocchiarsi davanti all’altare si gioca a 23. Poi si passa ai parenti degli sposi: una poco elegante masticata di chewing gum in chiesa per Carole Middleton (madre di Kate) vale 24. I quotisti poi ironizzano parecchio sul principe Harry: che faccia cadere gli anelli durante la cerimonia è roba da 25, che li dimentichi è un affare da 38, molto più imbarazzante però sarebbe se non riuscisse a terminare il suo discorso perché in preda ai fumi dell’alcol: in questo caso la quota sarebbe 34. Da un matrimonio sicuro a uno possibile, i bookie si chiedono anche quando arriverà il turno di Harry e soprattutto chi sarà la fortunata. Il tabellone non ha dubbi e punta su Chelsy Davy, storica fidanzata del principe (2,50). La prima alternativa è Astrid Harbord (5), amica della futura cognata.

I bookmakers d’oltre manica si sono spinti anche oltre, lanciandosi sul futuro da genitori di William e Kate e provando a indovinare quando sarà il momento del primo rampollo della neo-famiglia reale. E’ difficile che arrivi già nel 2011, opzione offerta in lavagna a 11. Le ipotesi più accreditate puntano sul 2012 o sul 2013. Identiche le possibilità per un fiocco azzurro o un fiocco rosa, entrambe le opzioni sul sesso dell’erede sono a 1,90. E a proposito di erede William, al momento, è favorito sul padre per la successione al trono (1,80 contro il 2,25 del principe Carlo).

Come in ogni matrimonio reale che si rispetti non può essere tutto rosa e fiori. E allora, il divorzio che quota ha? Il vescovo Pete Broadbent, uno dei maggiori esponenti dell’episcopato britannico, ritiene che l’unione reale non durerà più di sette anni, ma secondo i bookmaker esteri la possibilità che i futuri coniugi si separino prima del 2020 è solo a 12.

Leggi tutto