Cannes premia Bertolucci con la Palma d'oro alla carriera

1' di lettura

E' la novità della 64° edizione del Festival. In occasione della cerimonia d'apertura verrà consegnato il prestigioso riconoscimento ai maggiori registi della storia del cinema. L'11 maggio, davanti la giuria presieduta da De Niro, l'omaggio al maestro

Leggi anche:
Bertolucci: 70 anni e "Novecento" restaurato
L'ultimo tango della censura

A Bernardo Bertolucci la Palma d'oro alla carriera. Il riconoscimento prestigioso sarà consegnato al regista durante la cerimonia di apertura della 64/ma edizione del festival di Cannes, la sera dell'11 maggio, davanti la giuria presieduta da Robert De Niro che Bertolucci scelse 35 anni fa tra gli indimenticabili protagonisti di uno dei suoi capolavori, Novecento.
"Le cose si fanno davvero complicate. Più mi sforzo di guardare avanti, per esempio con un nuovo film in preparazione, più mi costringono a girarmi indietro", commenta da Londra il maestro, che con l'entusiasmo di un giovane cineasta sta lavorando al nuovo film tratto dal romanzo di Niccolo' Ammaniti Io e te che intende realizzare in 3d, usando le possibilità della nuova tecnologia "come un tappeto volante" per la creatività.

La carriera è tutt'altro che conclusa, ma il 2011 sembra anno di bilanci, per il traguardo dei 70 anni compiuti il 16 marzo, per l'anniversario di Novecento che per l'occasione è stato rieditato in hd, per la scomparsa recente e prematura della protagonista di Ultimo tango a Parigi Maria Schneider che gli ha fatto dire con rimpianto di non aver fatto in tempo a chiederle scusa per quel rapporto avvelenato dall'impatto mediatico che ebbe sulla sua carriera e la sua vita la famosa scena del burro con Marlon Brando. E mentre circola l'indiscrezione che il direttore della Mostra del cinema di Venezia Marco Mueller vorrebbe proprio lui, Bertolucci, presidente della giuria, ecco l'annuncio di Cannes. Del resto Venezia aveva premiato con il Leone alla carriera Bertolucci già nel 2007.

"Ho partecipato al festival di Cannes quattro o cinque volte e ora arriva questa Palma d'oro a sorpresa che mi riporta necessariamente al passato. In segreto io la assegno a Novecento che fu proiettato per la prima volta a Cannes, ma fuori concorso. Spero che la mia Palma d'oro la notte dell'inaugurazione del festival sia di buon augurio ai film italiani in concorso quest'anno", ha commentato il regista, fiducioso evidentemente che le indiscrezioni su Habemus Papam di Nanni Moretti e This must be the place di Paolo Sorrentino con la star Usa Sean Penn trovino giovedì a Parigi l'annuncio sperato di trovar posto nel cartellone del concorso.
Pur avendo assegnato in precedenza altre Palme d'oro alla carriera - a Woody Allen nel 2002, a Clint Eastwood nel 2009 - Cannes annuncia l'11 aprile di voler istituire il riconoscimento non più sporadico ma annuale e con la consegna durante il galà di apertura del festival.
La scelta del maestro emiliano come apripista non è casuale secondo le parole del presidente Gilles Jacob e del delegato generale Thierry Freamaux: "La qualità del suo lavoro si rivela ancora oggi in tutta la sua unicità, la profondità dei suoi film resta intatta e l'impegno per il cinema legano  Bertolucci al festival in modo così forte da farne legittimamente destinatario di questo premio", dicono citando Il conformista, Novecento e L'ultimo imperatore.
E proprio da una protagonista di quei primi (due) film, Stefania Sandrelli, arriva il commento più affettuoso: "Sono entusiasta per questo fantastico premio al cinema del mio amatissimo fuoriclasse Bernardo Bertolucci - dice la Sandrelli - specialmente perché viene dal festival di Cannes, il più rappresentativo del cinema". Anche il neo ministro per i Beni Culturali Giancarlo Galan non ha voluto far mancare i suoi auguri e complimenti al regista "che con le sue pellicole ci ha donato forti ed indimenticabili emozioni".

Leggi tutto