Dalle baraccopoli a Brecht: in scena le “regine africane”

1' di lettura

Venti ragazze nate e cresciute a Nairobi, che hanno partecipato al progetto Malkia dell’associazione Amref, sono le protagoniste dello spettacolo liberamente tratto dal “Cerchio di gesso del Caucaso”. GUARDA I VIDEO E LE FOTO

LE FOTO

Vivevano nelle baraccopoli. Oggi sono diventate regine. Sono le “venti regine” africane che andranno in scena al Teatro Leonardo da Vinci di Milano dal 13 al 16 gennaio ( scopri tutte le date ) con un libero adattamento del “Cerchio di Gesso del Caucaso” di Bertolt Brecht. Venti ragazze nate e cresciute nelle baraccopoli di Nairobi che negli ultimi cinque anni hanno partecipato al Progetto “Malkia” , il percorso artistico e formativo promosso da AMREF (African Medical and Research Foundation) nella capitale del Kenya che attraverso la recitazione ha offerto loro un’occasione di espressione e di riscatto sotto la guida della regista e drammaturga Letizia Quintavalla.

La parola “Malkia”, che in swahili significa “regina”, è stata scelta come motore per racconti e improvvisazioni: il teatro è così diventato un’occasione anche per le ragazze, per cambiare l’immagine di sé, per prendere la parola e acquisire consapevolezza dei propri diritti. Per essere rispettate davvero come “regine”.

Le loro storie parlano di sfruttamento, di giornate rinchiuse in casa. Di una povertà estrema che conduce spesso e facilmente alla prostituzione, della mancanza di istruzione e di autonomia decisionale delle donne. “Che consigli daresti alle ragazze che vivono in strada?”. “Direi loro di stare attenti ai ragazzi e agli uomini adulti che hanno solo voglia di metterle incinta” afferma una delle venti regine. “Come ti sta aiutando questa esperienza teatrale?” “Mi aiuta ad evitare di restare incinta e a lavorare in gruppo”.



Oggi le ragazze del progetto Malkia sono diventate “le ambasciatrici dei diritti delle giovani donne africane e lanciano un appello a favore della maternità consapevole proprio grazie al teatro, che si fa strumento di conoscenza, di cambiamento e di conquista di nuove identità” si legge sul sito di Amref. Come opera da rappresentare è stato scelto il “Cerchio di Gesso” perché affronta il tema tipicamente brechtiano della possibilità di praticare la bontà in un contesto come quello da cui provengono, caratterizzato da profondi squilibri e ingiustizie, e propone una concezione della maternità non necessariamente riconducibile a una matrice biologica. Le “Regine” di Amref sono le protagoniste anche di un libro, edito da Reggio Children, e di un dvd in cui raccontano il loro percorso artistico e formativo.

Leggi tutto