"Che bella giornata" Checco Zalone! Incassi da record

Checco Zalone in una scena del film "Che bella giornata"
1' di lettura

Sette milioni di euro in due giorni per la pellicola del comico pugliese. E' in assoluto il film che nelle prime 48 ore ha avuto il più alto successo al botteghino superando Avatar e Harry Potter. GUARDA LE FOTO

Guarda anche:
Le foto del film "Che bella giornata"
A lezione da Checco Zalone: il video integrale

Cafone, scorretto, ignorante ma tanto divertente: Checco Zalone con il suo secondo film, Che bella giornata, sembra aver fatto di nuovo centro e sicuramente ad oggi porta a casa un record assoluto: in due giorni 7 milioni di euro, impresa mai riuscita neppure a kolossal americani come Avatar o a film attesi come Harry Potter.
"Gli incassi di questi due giorni mi inorgogliscono ma la vera felicità è per Valsecchi e Pier Silvio Berlusconi: che bello aiutare gli indigenti", commenta all'Ansa Checco Zalone, senza perdere il gusto della battuta, dal ritiro 'segreto' in campagna dalla mamma in Puglia.

Che il film fosse molto atteso era già emerso dal boom di prenotazioni che la pellicola aveva registrato nei cinema durante le festività natalizie e anche la data era stata scelta strategicamente, il prefestivo 5 gennaio. Così Medusa, che distribuisce anche La Banda dei Babbi Natale, ha colpito e affondato il cinepanettone della Filmauro e stabilito una nuova data porta-fortuna, la vigilia della Befana, data in cui nella prossima stagione uscirà, secondo i desideri di Luca Miniero, il sequel di Benvenuti al sud.
Nei primi due giorni di programmazione Che bella giornata ha incassato 6 milioni 800 mila euro, dati Cinetel, che sommati agli incassi extra Cinetel dell'intero mercato superano i 7 milioni. Si tratta del record di sempre per il box office italiano.

Trentatré anni, Checco Zalone, nome d'arte di Luca Medici, barese di Capurso, laureato in legge, jazzista, è stato scoperto da Gennaro Nunziante (regista di entrambi i suoi film) a Telenorba mentre muoveva i primi passi nel programma comico I sottano's. Nell'estate del 2006 la canzone Siamo una squadra fortissimi, dedicata alla Nazionale italiana di calcio, spopola sul web e gli fa guadagnare un posto sul palco di Zelig.
Su YouTube vanno forti i video musicali in cui tra sgrammaticature, ironie e parolacce reinterpreta Vasco Rossi, Gino Paoli, Giusy Ferreri, Tiziano Ferro, Gigi D'Alessio. Ed è dal web che lo nota il figlio del produttore Pietro Valsecchi che lo porterà all'esordio al cinema. Quest'ultimo, tra i nomi più importanti della produzione fiction italiana, lo ha fatto debuttare lo scorso anno con Cado dalle nubi, un film di grande successo, 14 milioni di euro, che ha fatto di Zalone (nome d'arte che e' una crasi dal dialetto barese 'Che cozzalone!', che significa 'Che grande cafone!') un fenomeno. E gli ha subito fatto firmare un contratto con l'opzione per il secondo film sul quale scommette pranzi luculliani in funzione di incassi milionari.

"Siamo più che contenti dei risultati straordinari del botteghino. Questo grande successo di Checco Zalone - dice il talent scout Valsecchi - è la dimostrazione di quanto sia fondamentale investire sui giovani. Solo attraverso un lavoro continuo di scouting, di ricerca - in Italia come altrove - si può offrire nuova linfa e freschezza al settore culturale. Ed è questo che cerchiamo di fare a Taodue nel cinema e nella televisione. Facciamo quindi una riflessione, lo dico a tanti: basta battagliare sul cinema! Checco dimostra che con la cultura si può mangiare. Eccome".

Leggi tutto