Vallanzasca, il fascino del male

1' di lettura

Sta per arrivare anche nelle sale il film di Michele Placido che ha diviso la Mostra del Cinema di Venezia. Portare sullo schermo il più feroce dei banditi milanesi rischia di creare un effetto emulazione? GUARDA IL TRAILER

Ha fatto discutere e arrabbiare molti al Festival del Cinema di Venezia di quest'anno. Il Vallanzasca di Michele Placido è stato accusato di celebrare il bandito milanese sottolineando il fascino del suo lato oscuro. Un'accusa rigettata dal regista: "Allora non bisognerebbe più fare film di mafia", si è difeso.

Tratto dall'autobiografia del criminale, scritta insieme al giornalista Carlo Bonini, il film diventa quasi una sorta di Romanzo Criminale in stile milanese. Il film ricrea il mondo e le atmosfere dei violenti anni '70 italiani e racconta l'ascesa e la caduta del bel Renè, principale figura criminale di quegli anni nel capoluogo lombardo.

A interpretare il ruolo principale Placido ha voluto non a caso uno dei protagonisti di Romanzo Criminale, quel Kim Rossi Stuart che si è ormai affermato come uno degli interpreti più validi del cinema italiano. Il film uscirà nelle sale il 21 gennaio e non mancherà di gettare nuova benzina sul fuoco delle polemiche veneziane. Qui sopra il trailer del film.

Leggi tutto