"Mamma mia" debutta in italiano

1' di lettura

Applausi e risate al Teatro Nazionale di Milano per il fortunato musical, che per la prima volta è stato integralmente tradotto. Tra i protagonisti, Chiara Noschese nei panni di Donna

'Sposa bagnata, sposa fortunata', dice il proverbio. E dunque il battesimo della versione italiana di 'Mamma Mia!' non poteva essere più propizio.
Venerdì il musical ha debuttato, in una serata di pioggia, al Teatro Nazionale di Milano, coinvolgendo il pubblico in una grande festa di matrimonio che è cominciata fin dall'esterno, con piazza Piemonte tramutata in un villaggio greco e addobbata a nozze.
Dopo un lungo viaggio che l'ha portato in oltre 270 città del mondo, tradotto in 10 lingue diverse, ora il musical dei numeri record è tutto italiano e, pur con un po' di ritardo, è fisso a Milano, per far ballare e cantare al ritmo degli intramontabili successi degli Abba, resi però comprensibili al 100%.
Fra applausi a scena aperta, risate e immancabili balletti finali, il pubblico ha mostrato di apprezzare particolarmente il cast femminile, capitanato dalla vulcanica Chiara Noschese nei panni di Donna (parte che, nel corrispettivo film di Hollywood, è affidata a Maryl Streep).
A interpretare la giovane Sophie è invece la promettente Elisa Lombardi, affiancata da Lisa Angelillo (Tanya) e Giada Lorusso (Rosie) che hanno portato sul palco verve, comicità e un pizzico di anni '70.
A firmare la traduzione e l'adattamento dei testi è l'ex Pooh Stefano D'Orazio che si è assunto il compito di trasferire le parole da una lingua all'altra, senza perderne il senso e lo spirito. Così il pubblico di stasera ha potuto canticchiare le hit del quartetto svedese, tramutate, piuttosto letteralmente, da 'Thank you for the music' a 'Musica ti sento', oppure da 'Slipping through my fingers' a 'Mi sta sfuggendo fra le dita', fino a 'The winner takes it all', diventata 'Chi vince porta via'.
Lo spettacolo della Stage Entertainment cercherà di bissare il successo de 'La Bella e la Bestia', portando sul palco ogni sera 31 artisti, per oltre 200 costumi, 140 luci e 88 casse di diffusione audio. A partire da stasera, le repliche saranno otto alla settimana (tutti i giorni a esclusione del lunedi', doppio spettacolo di sabato e domenica) e si protrarranno finché il pubblico accorrerà (le prevendite sono oltre 50mila), continuando a trasferire a Milano un po' della magia di Broadway.

Leggi tutto