Gli U2 sbarcano in Russia

1' di lettura

Bono Vox, a Mosca per il concerto che la band irlandese terrà nella città del Cremlino, incontra il presidente Dmitrij Medvedev e gli chiede un impegno nella lotta all'Aids. Putin, intanto, si fa immortalare affianco a un orso bruno

U2: TUTTE LE FOTO

Dalla passione per la musica all'impegno nella lotta all'Aids: il presidente russo, Dmitrij Medvedev, ha accolto nella sua residenza estiva a Sochi il cantante Bono Vox, alla vigilia del primo concerto degli U2 in Russia.

Come due vecchi amici, Bono e Medvedev hanno scherzato sui loro gusti musicali e sulla passione del presidente russo per il rock 'duro'. "Sono venuto qui per superare il grande divario tra me, fan dei Led Zeppelin e te (Medvedev), fan dei Deep Purple", ha scherzato Bono durante l'incontro, durato oltre un'ora e trasmesso in parte dalle tv russa. Medvedev, spigliato, in jeans e maglietta, è stato al gioco confessando di amare Pink Floyd e Deep Purple, "ma anche i Led Zeppelin, sono i miei gruppi preferiti".

Alla grande eco mediatica dell'incontro Bono-Medvedev, Putin (che probabilmente diventerà suo avversario nella prossima sfida per il Cremlino nel 2012) rispondeva facendosi immortalare serio e impassibile accanto a un orso bruno. Sempre in diretta tv.
Dalle battute, durante il faccia a faccia Bono-Medvedev, si è passato al vero obiettivo dell'incontro: Bono ha chiesto al presidente russo l'aiuto di Mosca nella lotta all'Aids. In
particolare, ha invitato Medvedev a trovare un'azienda russa che voglia collaborare per la campagna 'Red', che raccoglie fondi per la lotta all'Aids, alla tubercolosi e alla malaria.
"Magari puoi trovare un'impresa russa, una 'Red Russian company', è il tuo colore...", ha ironizzato Bono,

Leggi tutto