A Torino il "Beautiful day" degli U2

1' di lettura

Fan in delirio per l'attesa apertura del nuovo tour della band irlandese. Due ore e mezza di concerto per un totale di 23 brani classici che hanno fatto la storia del gruppo. IL VIDEO

U2: TUTTE LE FOTO

Sul sito della band il resoconto "Torino Torino"

Gran concerto quello degli U2 a Torino per l'attesa apertura del nuovo tour 360ø 2010. Una festa d'agosto per 45.000 fan che per i loro beniamini irlandesi hanno anche rimandato le ferie (pochi i vip già invece numerosi per la lista nella tappa romana dell'8 ottobre, l'ultima del tour europeo che quest'anno apre e chiude proprio in Italia). Poi sarà la volta, l'anno prossimo, degli Stati Uniti.

Le danze si sono aperte, puntuali, alle 21:20, quando Bono è apparso sulla pedana del palco più "pesante" (180 tonnellate di acciaio) e mastodontico della storia del rock mondiale.
La serata, due ore e mezza, per un totale di 23 brani cantati da un Bono apparso in buone condizioni ha mantenuto le promesse riuscendo a coinvolgere al massimo il pubblico anche per via di un sapiente mix di brani classici della storia della band, dall'iniziale "Beautiful day" (dopo l'apertura vera con "Space Oddity" di David Bowie a "Magnificent", una bellissima versione di "Miss Sarajevo", cantata in italiano nella parte di Pavarotti, a brani nuovi. Inediti sono stati "North Star", melodica e romantica storia di pace e di amore, eseguita al buio e "Glastonbury", ballata scritta per il festival irlandese omonimo a cui la band non ha potuto partecipare in primavera. Bono stesso ha spiegato che si trattava di due inediti.

Tra i brani della serata anche "Until the End of the World", "Vertigo", "Mlk", una sorta di ninna nanna per Martin Luther King, (durante la quale scorrevano immagini sul grande cono circolare centrale di Aung San Suu Kyi, morta in Birmania), "One"; "Streets"; "Walk on", verso la fine è anche passato un video del vescovo Desmond Tutu, che chiede al mondo di lottare per la giustizia e la salute di tutti. Gran finale con "Moment of surrender" e "Rocket man" di Elton John.

Guarda anche:
Gli U2 i cantanti più pagati del 2010
Bono fa 50
Bono operato d'urgenza alla schiena

Leggi tutto