Jacko, la madre: "Lo hanno ucciso"

1' di lettura

A un anno dalla morte del re del pop Katherine Jackson rilancia l'ipotesi del complotto e dichiara che "qualcuno lo ha voluto togliere di mezzo". ADDIO A MICHAEL JACKSON: I VIDEO E LE FOTO

ADDIO A MICHAEL JACKSON: IL RE DEL POP - TUTTE LE IMMAGINI
In fondo all'articolo tutti i video

Michael Jackson non è morto per una disgrazia, ma qualcuno "lo ha voluto togliere di mezzo". A un anno dalla morte del Re del pop, la madre Katherine rilancia le accuse contro alcuni "personaggi molto in vista, ricchi, cattivi e senza scrupoli" che avrebbero avuto interesse a sbarazzarsi di 'Jacko'. Nonostante i suoi 80 anni, Katherine si è caricata sulle spalle la responsabilità di prendersi cura dei tre figli di Jacko: Prince (13 anni), Paris (12), Blanket (8). "Sono dei ragazzi magnifici, mi danno tanta forza", dice Katherine intervistata dal Sun nella sua casa di Los Angeles. "Io so com'era mio figlio", dice la signora senza tradire emozioni, "non è morto per una disgrazia. Qualcuno ha voluto che morisse. Persone potenti, cattive, senza scrupoli che non lo volevano intorno per qualche ragione a me sconosciuta".

Ad avvalorare la tesi di Katherine ci sarebbe una frase che Michael usava ripetere spesso, poco prima della sua scomparsa: "Lui mi diceva: 'mamma, vogliono che io sparisca, vogliono che muoia'. Lo diceva sempre. Era un messaggio che voleva lanciare". Poi Katherine aggiunge, quasi a voler avvertire i presunti assassini di suoi figlio: "La sua morte ha portato la famiglia ad essere più unita, più forte". Lei di sicuro lo è: "Sto bene, non mi sento addosso i miei 80 anni. La sola cosa che vorrei, è sapere cosa è successo veramente. E' passato un anno, ma è ancora molto difficile per me".

I tributi che si susseguono in ogni parte del mondo per celebrare l'anniversario dalla morte aiutano a sopportare il dolore: "Sapere che tante persone lo ricordano e sentono la sua mancanza mi fa sentire meno sola. Il mondo ricorda e sente la mancanza di mio figlio e Michael sarebbe felice nel vedere i suoi fan commemorarlo come fanno. Ma per me, per noi, ogni giorno è una battaglia. Ci manca immensamente". Katherine sembra cedere al dolore. Invece trattiene le lacrime e sorride, improvvisamente allegra: "Sapete? Michael ha sempre avuto il ritmo nel sangue. Quando era bambino avevamo in casa una lavatrice che faceva un rumore terribile. Quando centrifugava Michael ascoltava quel suono ripetuto velocemente e improvvisava su di esso parole e passi di danza".

I video per ricordare il King of Pop.


Leggi tutto