Tanti auguri Renato, da Zero a sessanta

1' di lettura

L’inossidabile cantautore compirà sessant’anni il prossimo 30 settembre. Per festeggiare ha deciso di organizzare sei concerti nella sua città, Roma. Occasione imperdibile per i suoi “sorcini” che potranno ammirare anche una mostra dedicata al loro idolo

Ha quasi sessant'anni ma non li dimostra. Renato Zero li compirà il 30 settembre e dopo un tour di 30 date tutte sold out, si appresta a festeggiare il compleanno con il suo “popolo” e nella sua città, Roma, con “Sei Zero”, ovvero 6 concerti in programma nello Zero Village, creato ad hoc in piazza di Siena. Il suo segreto? Non ci sono dubbi: la tenacia e la generosità.
   
"Nel tour mi sono tolto tutte le soddisfazioni possibili - racconta l'artista che si esibirà il 29 e 30 settembre, il  2, 3, 5 e 6 ottobre - Questa è un'occasione diversa. Abbraccerò il mio pubblico e piazza di Siena si presta bene a questo scopo. La salute personale dipende anche dalla propria generosità. Siamo giunti al mio sessantesimo Giro d'Italia, ho conquistato la maglia rosa, conquistata con tenacia e attaccamento ai miei pedali".
   
Rimpiange gli anni Settanta ("vorrei che fossero visitabili dai giovani d'oggi") ed è convinto di una cosa: "La lotta è sempre bella, amo stare in trincea, non farmi sparare alle spalle, affrontare questi borghesi con grande fierezza e stimolo. Mi piace coronare una vita di esperienze e spiattellarle al pubblico, per dire “non abbiamo vissuto invano". Dal 29 settembre al 6 ottobre tutto il mondo di Renato per la prima volta verrà condensato nello stesso luogo. Un'occasione per tutti gli “zero folli” di rivivere a 360 gradi l'avventura musicale e artistica del cantautore romano e festeggiare con lui il suo compleanno e la sua carriera, dagli esordi all'ultimo cd “Presente”. Con una particolarità : "Ogni serata sarà completamente diversa dall'altra - spiega - La ricchezza del repertorio me lo consente: nel mio serbatoio ho almeno 60 brani. Ogni concerto sarà quasi un'esclusiva". Al concerto potranno assistere quasi 12 mila persone, tra parterre e tribune, e non mancheranno gli ospiti: "Ovviamente ho già chiamato Raffaella Carra"', anticipa.
   '
“Sei Zero” ospiterà anche lo Zero Village, luogo d'incontro per i fedelissimo “sorcini” che potranno vedere una mostra dei suoi eccentrici costumi di scena, olter a gallerie fotografiche, videoproiezioni inedite, stand dove acquistare i suoi cd e una sala cinematografica per rivedere i suoi più grandi concerti e i suoi film, da “Zerofobia” a “Orfeo9”, fino all'introvabile “Ciao Ni” del 1979, primo e unico film da protagonista. I biglietti saranno in vendita dal 24 giugno su Ticketone e nei punti abituali. Chi acquisterà online riceverà la Zero Card, una tessera-memorabilia con bellissime immagini delle varie trasformazioni di Zero. "Il regalo più bello che vorrei? Già è un regalo essere arrivati così. Quante botte che ho preso! E dopo andavo da loro e chiedevo perché‚?. Questo li spiazzava".
   
Alla vigilia dei 60 anni, hai rimpianti per Fonopoli, la città della musica e dello spettacolo che sogni dal '95? "Il rimpianto ce l'avranno loro. Spero che il sindaco Alemanno ci dia una risposta positiva sul progetto di fattibilità. Lo spero per Roma e per questo Paese"

Leggi tutto