Torna il Mago di Oz: sarà Robert Downey Jr.

Robert Downey Jr sarà il Mago di Oz
1' di lettura

Sam Raimi il regista della serie di Spider Man ha accettato di dirigere il prequel del celebre musical del 1939. Un film in 3-D, particolarmente dark, per raccontare le origini del mago più amato del cinema

Hollywood torna a indossare le scarpette rosse e a percorrere il sentiero giallo, quel Yellow Brick Road che porta alla città di smeraldo dove vive il mago di Oz. Ain't It Cool News rilancia la notizia secondo cui Sam Raimi avrebbe accettato di dirigere Oz, the Great and Powerful, un prequel in 3-D che dovrebbe raccontare le origini del mago più celebre della storia del cinema. Il progetto, in mano a Disney già da diverso tempo, aveva per certo solo la sceneggiatura, scritta da Mitchel Kapner, e il protagonista, Robert Downey Jr. Il regista della serie di Spider Man darà ora il suo contributo per raccontare le peripezia che portano lo scalcinato (e mezzo truffatore) mago da Omaha fino al magico mondo di Oz. I toni del film dovrebbero virare sul dark, con il probabile innesto del tipico humor nerissimo di Raimi. L'intenzione della Disney è di ripercorrere la stessa strada, stilistica, intrapresa con Alice in Wonderland di Tim Burton.

Il Mago di Oz
, del 1939, è uno dei più celebri e amanti film di tutti i tempi. Visivamente avveneristico per il suo tempo, il film, che ebbe una storia produttiva particolarmente travagliata, racconta, passando dal bianco e nero al colore e viceversa, il viaggio della piccola Dorothy dal suo amato Kansas fino al magico mondo di Oz. Osteggiata dalla malvagia strega dell'Ovest, dovrà, con l'aiuto di un leone senza coraggio, uno spaventapasseri senza cervello e un uomo di latta senza cuore, trovare il mago di Oz per farsi rispedire a casa. Tratto dall'omonimo romanzo di Frank Baum, il film interpretato dalla giovane Judy Garland, è all'apparenza una favola diretta ai bambini, ma ha talmente tanti piani di lettura (non ultimo una satira sul sistema monetario americano ) e un taglio spesso grottesco e inquietante, che ha ha riscosso da sempre un particolare successo soprattutto tra il pubblico più adulto. Il mondo di Oz è stato riportato diverse volte sul grande schermo, ma mai con la stessa potenza evocativa e visionaria di quella di sessant'anni fa. Toccherà ora a Sam Raimi, che per gusto ed estetica è debitore di quel mondo, raccogliere il guanto della sfida.

Una delle scene più celebri del film originale. Judy Garland canta Somewhere over the rainbow nel film del 1939:


Leggi tutto