Murray potrà continuare a fare il medico

1' di lettura

Il giudice della Corte Suprema californiana, Michael Pastor, ha deciso che il dottore accusato della morte di Michael Jackson potrà continuare a esercitare la professione. Almeno fino all’inizio del processo che lo vede imputato per omicidio colposo


Addio a Michael Jackson, il re del pop: tutte le foto

L'ultimo saluto a Jacko: tutti i video

Il medico personale di Michael Jackson potrà continuare a esercitare la professione medica nello stato della California, in attesa del suo processo per omicidio colposo che non comincerà prima di molti mesi. Lo ha deciso Il giudice Michael Pastor della Corte suprema che ha respinto la richiesta di sospensione dell'autorizzazione all'esercizio della professione medica presentata dalle autorità californiane, ritenendo che nulla giustificasse una revisione delle condizioni di scarcerazione del medico.

Murray che si è dichiarato non colpevole, ha versato una cauzione di 75.000 dollari per evitare di attendere il suo processo in carcere. Il magistrato ha inoltre dichiarato che gli ordini del giorno delle persone coinvolte nella vicenda e i preparativi necessari lo costringevano a rinviare l'udienza preliminare al più tardi al 23 agosto, con la procedura che deve iniziare entro sessanta giorni dopo questa data. La data del processo non può essere fissata prima di questa tappa.

Leggi tutto