Scandalosa Carlà, regina del web

1' di lettura

Il docu-film “In the tube with Carla” metterebbe in luce gli aspetti frivoli e piccanti della vita della première dame. Pubblicato integralmente su Internet e poi rimosso, il video è ancora parzialmente disponibile su Youtube. GUARDA IL FILMATO

L'ALBUM FOTOGRAFICO DI CARLA BRUNI

LA GALLERY DELLE MODELLE CHE HANNO LASCIATO LA PASSARELLA PER UN'ALTRA CARRIERA

In rete è rimasto solo pochi giorni il filmato su alcune delle tappe fondamentali della vita di Carla Bruni del regista francese Thomas Cazals, che metteva in evidenza aspetti anche frivoli e piccanti dell'attuale premiere dame di Francia. Messo in rete il 18 maggio, in pochi giorni è stato cliccatissimo: ripreso dai siti internet di tutto il mondo il mini-documentario di 27 minuti dal titolo “In the tube with Carla”, realizzato con video - talvolta anche imbarazzanti - trovati sul web è stato poi rimosso dal provider che lo ospitava, Vimeo.com, anche se su Youtube se ne trova ancora un estratto.

Il lavoro di Cazals nasce "dall'idea di conoscere un po' meglio questo personaggio", ha spiegato lo stesso regista che nel suo mini-documentario presenta le fasi più salienti della vita della Bruni, da giovane top model “libertina” e strapagata, fino al suo arrivo all'Eliseo come moglie del presidente Nicolas Sarkozy.

Ci sono le feste con le altre top model, come Naomi Campbell, dove al tavolo della Bruni spunta anche un pene gigante gonfiabile ma soprattutto il suo audace intervento come ospite della trasmissione “Eurotrash” presentata dallo stilista Jean-Paul Gaultier e da Antoine de Caunes. In diretta tv, la ex modella, allora ventinovenne, tira fuori dalla sua borsetta “La guida internazionale dell'amore e del sesso”, una sorta di dizionario con la traduzione in sette lingue delle espressioni più “piccanti”. "E' utile avere questo tipo di libri quando si viaggia molto, in diverse parti del mondo, e si incontrano ogni giorno nuove persone: dobbiamo sempre sapere cosa dire in caso si finisca a letto con qualcuno..", dice la Bruni in quel lontano 1996 lasciando intendere di portare quella pubblicazione sempre in borsetta.

Leggi tutto