Una nuova accusa di stupro per Polansky

L'attrice inglese Charlotte Lewis
1' di lettura

L’attrice britannica Charlotte Lewis ha denunciato di essere stata violentata dal regista di origine polacca nel 1982 a Parigi, quando aveva appena 16 anni: “Ha abusato di me nel peggior modo possibile”

E' l'attrice britannica Charlotte Lewis la nuova accusatrice di Roman Polansky. La donna, che ha oggi 42 anni, ha denunciato che il regista, con cui lavorò nel film Pirates nel 1986, abusò di lei "nel peggior modo immaginabile" nel 1982 a Parigi, quando aveva solo 16 anni.

"Ho deciso di rivelare il mio segreto perché Polanski vuole tornare in America e anche se sono passati molti anni è giusto che paghi per i crimini che ha commesso", ha detto la Lewis. Gli Usa hanno chiesto l'estradizione del regista dalla Svizzera per essere scappato dagli Usa dopo una condanna per aver violentato una tredicenne nel 1977. Lewis ha sostenuto che "Polanski sapeva che avevo soltanto 16 anni quando ci siamo incontrati".

Leggi tutto