Hollywood è salva, soprattutto grazie a Hugh Hefner

1' di lettura

Il creatore di Playboy ha donato 900 mila dollari per evitare che sulla collina con la famosa scritta bianca venissero costruite delle case. Ora il terreno, grazie ad una raccolta fondi di 12,5 milioni, sarà acquistato e donato al comune di Los Angeles

Hugh Hefner ha salvato Hollywood. Almeno la famosa scritta sulle colline di Los Angeles. Il creatore di Playboy ha donato 900 mila dollari. Che sommati agli altri contributi arrivati fanno 12,5 milioni: la cifra esatta per comprare i 56 ettari di terreno dietro le lettere bianche. Qualcuno, proprio lì, voleva costruire delle case di lusso con vista sulla Città degli angeli.

Per evitare che la scritta fosse deturpata da edifici sullo sfondo, si erano mossi tutti. Quasi sette milioni di dollari sono arrivati da privati, 2,7 da fondi locali e 3,1 li ha mesi lo Stato. “Contributi per salvarla sono giunti da ogni stato Usa e da artisti come Tom Hanks e Steven Spielberg”, dice Arnold Schwarzenegger, governatore della California. “È un finale degno di Hollywood”.
“Le immagini create dai film hollywoodiani hanno influenzato i sogni della mia gioventù”, ha rivelato Hugh Hefner. “Questa scritta è la Torre Eiffel di Hollywood”.

La collinetta fu acquistata nel 1940 dall’industriale Howard Hughes. Voleva costruire una casa per la compagna, la ballerina Ginger Rogers. Poi la relazione finì e non se ne fece nulla. Fino al 2002, quando la proprietà passò ad un gruppo di investitori di Chicago. Nel 2007 il terreno è stato rimesso sul mercato. Grazie alla raccolta di denaro sarà acquistato dal gruppo non profit Trust for public land. Il fondo per la conservazione della natura lo donerà al comune di Los Angeles perché lo annetta al Griffith Park. La scritta Hollywood, così, dovrebbe essere salva per sempre.

Leggi tutto