Ciao Raimondo, il saluto commosso di Facebook a Vianello

Raimondo Vianello e Sandra Mondaini durante le riprese del film 'Le Olimpiadi dei mariti' in una foto di archivio del 1960
1' di lettura

Sul social network sono stati creati decine di gruppi, che si sono andati ad aggiungere alla pagina che già raccoglieva più di 15 mila fan del popolare attore. Decine di messaggi di cordoglio nei blog e su Twitter

Addio Raimondo: tutte le foto
Ciao Raimondo: i migliori video da Youtube

di Serenella Mattera



"Se mi guardo indietro non ho pentimenti. Dovessi ricominciare, farei esattamente tutto quello che ho fatto. Tutto. Mi risposerei anche. Con un’altra, naturalmente". Tra le tante tracce dello humour garbato di Raimondo Vianello, la frase riportata da Wikiquote, sta facendo in queste ore il giro della Rete. Citata sui blog, nei tweets, nelle bacheche di Facebook. Accanto ai video ripescati dalla memoria collettiva di Youtube, per ricordare un personaggio familiare a tutti gli italiani. Che su Internet stanno partecipando in massa al dolore di “Casa Vianello”.

“Che barba, che noia… che dolore”, ha scritto l’autore televisivo Massimo Dorati, parafrasando la frase con cui Sandra Mondaini dava la buonanotte al marito alla fine di ogni puntata della loro famosa sit-com. “Addio a Raimondo Vianello, l'unico che riuscì a portarsi casa al lavoro”, scherza invece con garbo il sito Spinoza. E in tanti semplicemente ricordano le ore passate davanti al piccolo schermo a ridere con le gag di Raimondo e Sandra: “Da piccola guardavo sempre con mia nonna Casa Vianello”, è il messaggio che qualche ragazza lascia su Twitter, accompagnandolo con tante faccine tristi. E spulciando tra i messaggi di cordoglio in inglese, si scopre che anche a Malta, proprio grazie alla sit-com, Raimondo era diventato molto popolare.

Le Teche Rai rendono omaggio a quello che viene definito un “pioniere di tutti i varietà televisivi”. E anche su Youtube Raimondo spopola e appare non solo in coppia con Sandra sugli schermi di una tv ancora in bianco e nero, ma anche nei mitici sketch con Ricky Tognazzi, tra i quali il più gettonato sembra essere quello dell’onorevole con la “U” stretta. Mentre Facebook ricorda Raimondo accanto a Mike e Corrado: “I tre tenori della tv italiana”.

Da quando la notizia della morte ha iniziato a diffondersi, sul popolare social network sono stati creati decine di gruppi, che si sono andati ad aggiungere alla pagina che già raccoglieva più di 15 mila fan del popolare attore e a quella che ne chiedeva la nomina a senatore a vita: “Addio a Raimondo Vianello, ci mancherai!”, “Addio a Raimondo Vianello: un uomo, un artista, un mito”, sono solo due esempi. Impossibile, poi, provare a contare le migliaia di messaggi che hanno invaso tutte le bacheche degli utenti di Facebook. Poche citazioni, però, bastano a rendere un’idea della partecipazione collettiva: “Resterai sempre nel mio cuore, insegnandomi che la vita va presa sul serio, ridendoci sopra” (Genly), “Quante risate ci ricorderai” (Andrea), “Nooo, se n’è andato un mito assoluto” (Filippo), “Addio grande Raimondo” (Flavia), “Un abbraccio a Sandra” (Maria).

Infine il calcio, la grande passione di Vianello. Sia il Milan che l’Inter hanno affidato alla Rete i loro messaggi di cordoglio. Come stanno facendo in queste ore tanti semplici tifosi.

Leggi tutto